IMU imprese: Emilia Romagna la più cara

di Teresa Barone

scritto il

L’IMU versata dalle imprese emiliane per gli immobili commerciali e produttivi è maggiore che nel resto dell’Italia: i dati della Cna.

Le imprese emiliane pagano l’IMU più salata nel territorio nazionale.

Lo afferma la Cna, che rende noto come l’83% del gettito regionale proveniente dall’imposta sugli immobili derivi dai fabbricati commerciali e produttivi, come anche dalle seconde case.

=> IMU beni strumentali: Cna chiede l’abolizione

Secondo la Cna, inoltre, non solo i Comuni della Regione Emilia Romagna non sembrano intenzionati a ridurre le aliquote su queste categorie di immobili, ma per il 2013 il coefficiente da applicare alla rendita catastale dei capannoni, quindi fabbricati produttivi di categoria D, passerà da 60 a 65.

Se per un capannone artigianale di 3050 mq, ad esempio, nel l’IMU del 2012 è stata pari a 14.770 euro, nel 2013 salirà fino a 16.012 euro.

Tra le province più care, inoltre, figura Ravenna con un gettito di 578 euro pro capite, decisamente più alto della media nazionale ferma a 391 euro.

=>IMU 2013: nuove scadenze e regole prima rata

È sempre la Cna a lanciare un appello per chiedere l’esclusione dal pagamento dell’IMU degli immobili strumentali utilizzati dalle imprese, tanto più che non possono essere considerati come una forma di accumulo di patrimonio.

=> Leggi tutte le news per le PMI dell’Emilia Romagna

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali