Tratto dallo speciale:

Pensione per non vedenti da 51 anni: guida ai requisiti

di Redazione PMI.it

scritto il

Pensione non vedenti: vediamo quali sono le agevolazioni previste per ciechi assoluti o parziali e gli importi delle pensioni di cecità 2021.

Alle persone con handicap certificato la normativa vigente riserva alcune agevolazioni, anche in ottica dell’accesso alla pensione. È questo ad esempio il caso della pensione per non vedenti. Si tratta di un trattamento istituito dall’articolo 8 della L. 66/62 in favore delle persone invalide civili per cecità (ciechi assoluti o parziali). Vediamo in dettaglio in cosa consistono le agevolazioni riservate ai non vedenti dal punto di vista previdenziale, come ad esempio un anticipo sull’età pensionabile rispetto ai requisiti ordinariamente richiesti, e quali sono le differenze tra la pensione per uomini e per donne con cecità assoluta o parziale.

=> Calcola la tua pensione online

Pensione per ciechi assoluti: requisiti

Hanno diritto alla pensione per non vedenti coloro che risultano essere ciechi assoluti uomini e donne e che sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • cecità assoluta o con  residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi, riconosciuto mediante apposito verbale;
  • reddito non superiore a determinati limiti, stabiliti di anno in anno;
  • cittadinanza italiana, o iscrizione all’anagrafe del Comune di residenza per i cittadini stranieri comunitari, o titolarità di permesso di soggiorno di almeno un anno di cui all’art. 41 TU immigrazione per i cittadini stranieri extracomunitari legalmente soggiornanti nel territorio dello Stato, anche se privi di permesso di soggiorno CE di lungo periodo;
  • residenza stabile e abituale sul territorio nazionale.

Pensione non vedenti nel privato: differenze uomo-donna

La pensione di cecità per i lavoratori del settore privato si perfeziona al raggiungimento di:

  • almeno 56 anni per gli uomini;
  • almeno 51 anni se donne;
  • almeno 10 anni di contribuzione dopo l’insorgere della cecità, se ciechi assoluti dalla nascita o divenuti tali prima dell’inizio del rapporto assicurativo.

Diversamente, i lavoratori ciechi che non hanno questi requisiti possono accedere al pensionamento:

  • uomini a 61 anni di età;
  • donne a 56 anni di età;
  • con 15 anni di contributi.

Pensione non vedenti autonomi: differenze uomo-donna

La pensione di cecità per i lavoratori autonomi si perfeziona al raggiungimento di:

  • almeno 61 anni se uomini;
  • almeno 56 anni se donne;
  • almeno 10 anni di contribuzione dopo l’insorgere della cecità, se ciechi assoluti dalla nascita o divenuti tali prima dell’inizio del rapporto assicurativo.

Gli autonomi senza questi requisiti possono andare in pensione con:

  • uomini a 66 anni;
  • donne a 61 anni di età;
  • 15 anni di contributi.

=> Prestazioni di invalidità INPS: nuova domanda per istanze incomplete

Pensione per ciechi parziali: requisiti

Hanno diritto alla pensione per gli ipovedenti, ovvero i ciechi parziali uomini e donne che sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • definizione riconosciuta nel verbale di cieco parziale, ossia con residuo visivo inferiore a un ventesimo in entrambi gli occhi per causa congenita o contratta per infortunio sul lavoro o di servizio (non in guerra);
  • redditi al di sotto del limite annualmente fissato;
  • cittadinanza italiana, o iscrizione all’anagrafe del comune di residenza per i cittadini stranieri comunitari, o titolarità del permesso di soggiorno di almeno un anno di cui all’art. 41 TU immigrazione per i cittadini stranieri extracomunitari legalmente soggiornanti nel territorio dello Stato, anche se privi di permesso di soggiorno CE di lungo periodo;
  • residenza stabile e abituale sul territorio nazionale.

Pensione non vedenti: compatibilità

La pensione non vedenti spetta anche se l’invalido è ricoverato in istituto pubblico che provvede al suo sostentamento. La pensione di inabilità di cieco civile è incompatibile con la pensione sociale o l’assegno sociale.

=> Pensione anticipata per invalidità: come funziona

Pensione non vedenti 2021: importi

Tipo provvidenza Importo mensile Limite di reddito annuo
Pensione ciechi civili assoluti non ricoverati € 310,48 € 16.982,49
Pensione ciechi civili assoluti ricoverati € 287,09 € 16.982,49
Pensione ciechi civili parziali € 287,09 € 16.982,49
Pensione invalidi civili totali € 287,09 € 16.982,49

Pensione cecità: modalità di erogazione

La pensione di cecità assoluta o parziale, per uomini e donne, viene erogata in 13 mensilità dal mese successivo alla presentazione della domanda e non convertono mai in assegno sociale, come avviene per altre prestazioni previdenziali agevolate. È prevista una finestra mobile di 12 mesi per i lavoratori affetti da cecità dipendenti e di 18 anni per gli autonomi.