Omissione contributiva, reato anche in  concordato con riserva

di Redazione PMI.it

scritto il

Commette reato il datore di lavoro che non paga i contributi previdenziali anche in costanza di concordato con riserva: la sentenza della Cassazione.

È tornata ad esprimersi in tema di omesso versamento dei contributi previdenziali la Corte di Cassazione con la sentenza n. 31327/2019, stabilendo che il datore di lavoro che non versa le ritenute previdenziali e assistenziali operate sulle retribuzioni corrisposte ai lavoratori è condannabile anche nel caso in cui la società sia oggetto di concordato preventivo con riserva ai sensi della Legge n. 106/2011.

=> Omesso versamento ritenute da 770

Procedura concorsuale

Ricordando che il reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali è regolato dall’art. 2, D.L. 12 settembre 1983, n. 463, conv. in legge 11 novembre 1983, n. 638, nella sentenza i giudici hanno sottolineato che la procedura concorsuale, anche con riserva, implica solo uno “spossessamento attenuato” del legale rappresentante, ma non lo esclude completamente dalla gestione.

=> Controlli al via sui contributi versati ai dipendenti

Non punibilità

Per avvalersi della causa di non punibilità, al momento del ricevimento dell’avviso di accertamento, il legale rappresentante può scegliere due strade: adempiere l’obbligazione in nome e per conto della società si sensi dell’art. 1180 del Codice Civile o, in alternativa, richiedere al giudice l’autorizzazione al pagamento dei debiti previdenziali.

I Video di PMI

Calcolo ISEE: simulatore INPS online