Crescita europea lenta ma l’Italia va molto peggio

di LavoroImpresa

scritto il

Crescita ItaliaL’Europa crescerà quest’anno. Molto lentamente, ma crescerà. Quanto all’Italia, le stime sono riviste al ribasso. Il numero uno della Bce Mario Draghi non usa mezzi termini e da Bruxelles lancia l’ennesimo allarme per i nostri conti pubblici: per il 2016 il PIL è previsto all’1,4%, ben al di sotto della media europea, mentre il deficit sarà pari al 2,5%.

=> L’Industria 4.0 riparte dai KIBS

Crescita europea a ritmo moderato

Mario Draghi non sembra essere molto ottimista nei confronti dell’Europa. La crescita c’è ma ad un ritmo molto, molto moderato. I benefici derivanti dai consumi interni stimolati dal basso prezzo del petrolio e dalla spinta monetaria della Bce sembrano vanificarsi di fronte ad una serie di eventi contingenti quali, ad esempio, il rallentamento della Cina, la crisi migratoria e l’instabilità politica ai confini tra Siria, Libia e Ucraina.

Crescita Italia sotto la media UE

E anche l’Italia, insieme a tutta l’Europa, non se la passa bene. Mal comune mezzo gaudio? Assolutamente no, perché in mezzo ad una Europa che va male, l’Italia è quella messa peggio. L’anno scorso, infatti, la crescita si è attestata allo 0,8%; quest’anno si prevede all’1,4%. Non c’è nulla di cui rallegrarsi visto che siamo al di sotto della media europea. Quanto al deficit, nel 2016 raggiungeremo il 2,5%. Nel 2017, invece, scenderà della metà circa ma solo perché arriverà la stangata del doppio aumento dell’IVA.

Pareggio di bilancio a rischio

Da evidenziare, inoltre, che le regole del patto di stabilità prevedono che il deficit strutturale si riduca di almeno mezzo punto all’anno fino a che sia stato raggiunto il pareggio di bilancio. Ebbene, in barba ad ogni accordo o intesa, il deficit strutturale dell’Italia è salito dall’1% del 2015 all’1,7% del 2016. Prima o poi Bruxelles chiederà all’Italia di dimostrare quali misure intende adottare per raggiungere il pareggio di bilancio strutturale. E allora sì che i termini lacrime e sangue torneranno nuovamente fra i titoli dei giornali.
Siamo il Paese con il debito pubblico più elevato di tutta l’UE, dopo la Grecia. Niente di strano che a maggio la Commissione aprirà una procedura per eccesso di debito.

Borsa e valute

Anche sotto l’aspetto valutario e finanziario non siamo messi per niente bene. L’euro sul dollaro è balzato a 1,12 e questo non fa altro che appesantire l’export, una terribile minaccia per micro imprese e Pmi che, sfruttando gli incentivi per l’internazionalizzazione, avevano puntato ai mercati esteri. Dal 1° dicembre 2015 il FtseMib, il principale listino italiano, ha perso oltre il 20% del proprio valore mentre lo spread dei BTP a 10 anni è passato da 92 a 120 nel giro di un paio di mesi.