Contributi a fondo perduto per PMI in Toscana

di LavoroImpresa

scritto il

Bandi regionali in Toscana per investimenti in R&S e innovazione di micro-imprese e PMI: requisiti, domanda e scadenze per i contributi a fondo perduto.

La Regione Toscana ha avviato una gestione anticipata dei fondi POR FESR 2014-2020 per finanziare gli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione di prodotti e servizi di micro-imprese e PMI singole o in associazione. Previsti anche contributi a fondo perduto attraverso tre bandi:

  1. Progetti strategici di ricerca e sviluppo. Finanzia progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale realizzati da grandi imprese in aggregazione con micro, piccole e medie imprese, anche in collaborazione con organismi di ricerca.
  2. Progetti di ricerca e sviluppo delle PMI. Finanzia progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale di micro, piccole e medie imprese, in forma singola o associata, anche in collaborazione con organismi di ricerca.
  3. Aiuti all’innovazione delle PMI. Finanzia progetti di innovazione realizzati da micro, piccole e medie imprese, in forma singola o associata, del manifatturiero e relativi servizi.

=> News e bandi per PMI della Toscana

Requisiti

In relazione a tutti i tre bandi, l’investimento oggetto dell’agevolazione deve essere realizzato e localizzato nel territorio della Regione Toscana e il proponente deve essere qualificabile come impresa dinamica, dimostrando di aver mantenuto o incrementato il fatturato 2013 rispetto a quello 2009 (non richiesto alle imprese costituite dal 2012). Per partecipare ai primi due bandi relativi a progetti di R&S – in tutti i settori economici, esclusi quelli non finanziabili con il FESR – le imprese devono espletare attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale il cui fine principale è la realizzazione di un prodotto, servizio o processo industrialmente utile. I programmi di spesa rientranti del terzo bando fanno riferimento ad attività che comportano un’innovazione di prodotto, processo od organizzazione.

Corsia preferenziale alle priorità tecnologiche orizzontali indicate dalla Strategia di Ricerca e Innovazione per la Smart Specialization in Toscana (ICT e fotonica, fabbrica intelligente, chimica e nanotecnologie).

Contributi e domande

A fronte delle spese ammissibili, le imprese potranno contare, nel caso di ricerca e sviluppo, su contributi in conto impianti fino al 45% e, nel caso di progetti di innovazione, fino al 30%. La partecipazione prevede due fasi: fino al 31 ottobre si invia domanda online tramite piattaforma web di Sviluppo Toscana SpA, ad un diverso indirizzo per ogni bando: