Tratto dallo speciale:

In pagamento l’Assegno Unico di maggio 2022

di Redazione PMI.it

scritto il

In pagamento dell'Assegno Unico Universale INPS di maggio 2022 a partire dal 13 del mese: rata mensile in accredito IBAN, conferma via SMS o App IO.

L’INPS ha comunicato quando paga l’Assegno Unico di maggio 2022: la rata mensile del sussidio con valuta 13/05/2022 è già stata accreditata ad una prima tranche di beneficiari, che hanno avuto conferma tramite notifica su App IO. Gli altri devono aspettare l’invio dell’SMS che conferma il bonifico su IBAN.

Quando pagano l’Assegno Unico universale INPS?

L’Assegno unico viene pagato a partire dal giorno 15 del mese con termine delle operazioni entro la fine del mese stesso. Chi ha fatto domanda per la prima volta e aspetta quindi il primo accredito, si vedrà riconosciuto il contributo a partire dal mese d successivo, comprensivo degli arretrati da marzo 2022 perché la domanda sia inoltrata entro il 30 giugno 2022.

Come arriva l’accredito dell’Assegno Unico figli?

In base all’opzione scelta in fase di domanda, l’Assegno Unico Universale per i Figli arriva tramite: bonifico su conto corrente italiano postale, estero o area SEPA; bonifico domiciliato presso lo sportello postale; pagamento sul libretto postale; pagamento su carta prepagata con IBAN. Conto o carta devono essere intestati o cointestati al richiedente, anche se si tratta de figlio maggiorenne. L’IBAN deve rientrare in un circuito SEPA (conto corrente bancario/postale, carta di credito o di debito, libretto di risparmio).

Quando spettano gli arretrati dell’Assegno Unico?

Coloro che non hanno ancora fatto domanda, se vogliono ottenere l’Assegno Unico ricevendo anche gli arretrati devono rispettare il termine ultimo del 30 giugno 2022. Per le richieste inoltrate dal primo luglio 2022 al 31 gennaio 2023, il contributo è riconosciuto solo a partire dal mese successivo e senza alcun arretrato. Per il prossimo anno si dovrà rifare domanda.

Assegno Unico con RdC: quando arriva?

Chi percepisce il Reddito di Cittadinanza non deve presentare la domanda di Assegno Unico: l’integrazione RdC/AU viene accreditata automaticamente sulla Card: la quota di integrazione corrisponde alle spettanze del mese precedente. Per le variazioni di reddito o stato familiare, bisogna inviare il Modello RdC-Com/AU per ottenere il successivo pagamento di eventuali maggiorazioni spettanti.