Tratto dallo speciale:

Nuova Sabatini in Manovra: dal 2022 cambiano le regole

di Redazione PMI.it

scritto il

La Nuova Sabatini è rifinanziata fino a 2027 ma dal 2022 si torna all'erogazione in più quote: contributo in un'unica soluzione solo fino a 200mila euro.

Rifinanziamento della Nuova Sabatini con sorpresa: la Legge di Bilancio 2022 assicura sì la continuità alla misura di sostegno per gli investimenti produttivi delle micro, piccole e medie imprese, ma ne modifica i criteri di erogazione. La novità fa capolino nel testo definito del disegno di legge della Manovra, che dopo una profonda revisione si appresta finalmente ad approdare in Senato per la discussione parlamentare.

Liquidazione finanziamento

L’incentivo per i beni strumentali delle PMI vede cambiare la modalità di liquidazione del contributo rispetto alla forma agevolata che era stata prevista per il 2021, ritornando al sistema tradizionale delle quote, mentre la tranche unica viene nuovamente limitata agli incentivi che rientrano sotto una certa soglia.

In caso di finanziamento di importo non superiore a 200.000 euro, il contributo può essere erogato in un’unica soluzione nei limiti delle risorse disponibili.

Per le domande presentate dalle imprese a decorrere dal 1° gennaio 2021 (presumibilmente fino al 31 dicembre 2021), vige invece la regola per la quale l’erogazione del contributo avviene sempre in un’unica soluzione, indipendentemente dall’importo del finanziamento, come previsto dall’articolo 1, comma 95, della legge 178/2020 (la Manovra dello scorso anno).

Rifinanziamento

Per quanto concerne invece la dote finanziaria, la Manovra prevede un’autorizzazione di spesa integrata di 240 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023, e di 120 milioni per ciascuno degli anni dal 2024 al 2026, nonché con ulteriori 60 milioni per l’anno 2027.

La misura, lo ricordiamo, agevola l’accesso al credito delle PMI per l’acquisto o l’acquisizione in leasing di beni materiali (macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa, attrezzature nuovi di fabbrica e hardware) o immateriali (software e tecnologie digitali) ad uso produttivo.