Rinnovo contratto a termine

I contratti a termine in somministrazione possono essere prorogati oltre i 36 mesi: riferimenti normativi.

Sono precaria da 3 anni (tempo determinato più somministrazione) sempre per la stessa srl: ho cambiato ruolo in contratto ma sempre con lo stesso livello. Allo scadere del terzo anno (con più di 5 rinnovi/proroghe) mi è stato prospettato ancora un probabile determinato. L’azienda, essendo un gruppo, può stipulare il mio contratto con un diverso datore di lavoro rispetto ai primi, pur essendo la stessa sede a livello pratico. È possibile?

Domanda di:

Il contratto a tempo determinato non è prorogabile per più di tre anni (36 mesi) ma, in effetti, questo non vale nel caso dei rapporti di lavoro in somministrazione (mi pare che sia il suo caso). Lo prevede il decreto legislativo 81/2015, che contiene la riforma dei contratti prevista dal Jobs Act.

=> Somministrazione, contratto sempre a termine

L’articolo 34 chiarisce che, in caso di lavoro in somministrazione a tempo determinato, si applicano tutte le regole previste per i normali contratti a tempo determinato, con alcune eccezioni, fra cui proprio quella che riguarda il divieto di proroga oltre i 36 mesi (articolo 19, comma 1).

Le consiglio comunque di consultare anche altri fonti per verificare l’eventuale possibilità di utilizzare altri riferimenti normativi utili al suo caso.

X
Se vuoi aggiornamenti su Rinnovo contratto a termine

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy