OpenOffice 3.1, nuova suite di produttività  alternativa a Microsoft Office

di Filippo Vendrame

scritto il

OpenOffice la famosa suite open source “rivale” di Microsoft Office si aggiorna alla release 3.1 portando con sé moltissime novità , tutte destinate a renderla sempre più completa e a porsi come vera alternativa ai prodotti Microsoft, anche per l’utenza professionale.

OpenOffice 3.1 è disponibile non solo per piattaforma Windows ma anche per Linux Solaris e Mac Os X ed è tradotta in quasi 30 lingue, compreso l’italiano.

Come noto, la Suite è composta principalmente da queste applicazioni: Writer, Calc, Impress, Draw, Base e Math.


Come moltissimi già  sanno per esperienza diretta, si usa Writer per comporre ed editare file di testo allo stesso modo di Word di Microsoft. Calc invece è l’equivalente di Excel, così come Impress è l’equivalente di Power Point. Draw è una potente applicazione con cui si possono creare in maniera molto semplice grafici e diagrammi. “Base” permette invece di gestire e creare database, così come con Access. Con Math, infine, è possibile creare funzioni e formule da utilizzare per esempio in Calc ed Impress.

Vediamo ora le novità  della suite OpenOffice, nella sua ultima release.

  1. Innanzitutto la velocità  di apertura del programma, sino ad ora uno dei suoi punti deboli, è stata notevolmente migliorata, ed ora è decisamente più rapida.

  2. E’ stato introdotto il supporto ad “anti-aliasing” che permette di migliorare la qualità  grafica dei disegni inseriti nelle applicazioni come per esempio Writer.
  3. In Base è stato aggiunto il supporto fondamentale alle Macro e la possibilità  di evidenziare il codice SQL.
  4. Molte correzioni anche in Calc dove sono state migliorate notevolmente le prestazioni. Anche Writer ha subito diverse revisioni: degno di nota il miglioramento del funzionamento del “file locking“, la utility che consente l’accesso contemporaneo a più utenti allo stesso file.

La panoramica globale del nuovo OpenOffice 3.1 la potete trovare direttamente sul sito madre.