Tratto dallo speciale:

Incentivi Banda Larga: in vigore credito d’imposta 50%

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Tempo fino al 31 dicembre 2015 per ottenere il credito d'imposta in caso di investimenti per la realizzazione di reti a Banda Larga.

Al via gli incentivi per la Banda larga contenuti nello “Sblocca Italia” (D.L. n. 133/2014, convertito nella Legge n. 164/2014) che concedono un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute alle imprese che diano il via ad interventi infrastrutturali per la realizzazione di reti a Banda Larga.

=> Rapporto Caio: un Piano Nazionale per la Banda Ultralarga

Credito d’imposta

A prevederli è l’articolo 6 del decreto Sblocca Italia, entrato in vigore lo scorso 11 novembre, con l’obiettivo di promuovere gli investimenti per la realizzazione di reti di comunicazione elettronica a Banda Larga. Il credito d’imposta maturato può essere utilizzato in sede di dichiarazione dei redditi e di dichiarazione IRAP (Imposta Regionale sulle Attività Produttive). Si tratta di una misura sperimentale: l’agevolazione verrà riconosciuta fino al 31 dicembre 2015.

=> Al palo gli incentivi al Digitale per le PMI

Interventi agevolabili

L’agevolazione spetta alle imprese che realizzino nuovi interventi infrastrutturali con le seguenti caratteristiche:

  • per essi non devono essere previsti contributi pubblici a fondo perduto;
  • devono essere realizzati sulla rete di accesso a Banda ultralarga, attraverso cui viene fornito lo stesso tipo di servizio all’utente;
  • devono essere nuovi e non già previsti in programmi industriali o finanziari già esistenti alla data di entrata in vigore della legge di conversione;
  • devono essere idonei ad assicurare il servizio a banda larga a tutti gli abitanti dell’area coinvolta;
  • devono soddisfare gli obiettivi di pubblico interesse previsti dall’Agenda Digitale Europea;
  • siano di importo non inferiore a 200 mila euro in caso di Comuni con popolazione inferiore ai 5 mila abitanti, a 500 mila euro per Comuni con popolazione compresa tra 5 mila e 10 mila abitanti e a 1 milione di euro in caso di Comuni con popolazione superiore ai 10 mila abitanti.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso