Intel Light Peak: anche in ufficio, l’USB del futuro?

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Intel ha presentato Light Peak, nuova tecnologia su fibra ottica ad alta velocità in grado di far comunicare molteplici dispositivi offrendo una banda passante di ben 10 gigabit al secondo

Nel corso dell’edizione 2009 dell’Intel Developer Forum il gigante dei microchip ha presentato una tecnologia per connettività dei sistemi denominata Light Peak. Grazie ad essa, i computer e i dispositivi esterni potranno dialogare fra loro ad alta velocità attraverso un unico connettore a fibra ottica.

Per tutti gli ambienti di lavoro, si tratta di una vera e propria rivoluzione, capace di soppiantere gli abituali cavi in rame, che trasmettono i dati sfruttando l’elettricità, sostituendolo con la fibra ottica.

Ciò permetterà di utilizzare connettori più piccoli e cavi più lunghi (fino a 100 metri), più sottili e flessibili, con risparmi di spazio, complicazioni e accessori.

La fibra ottica garantirà inoltre una velocità di trasmissione dati notevolmente superiore a quanto offerto attualmente dai connettori USB o Firewire: si parla infatti di 10 gigabit al secondo, ma già Intel prevede in un prossimo futuro di arrivare sino a 100 Gbps.

Non solo. Light Peak offrirà la possibilità di collegare qualsiasi tipologia di dispositivo attraverso un unico cavo, eseguendo più protocolli simultaneamente: ciò consentirà ad esempio di connettere ad un computer diverse periferiche, un display e un disco rigido esterno, evitando il classico groviglio di fili ai quali siamo oggi tutti abituati.

La nuova piattaforma per il trasferimento dei dati sarà disponibile nel corso del 2010 e comprenderà un controller e un modulo ottico per la conversione del segnale elettrico in luce e viceversa.

Al momento, tra i produttori interessati al progetto, Sony ed Apple; quest’ultima prevede di introdurre la tecnologia Light Peak all’interno dei MacBook Pro in uscita nel 2010.