Zoho Project, un centro di controllo per le proprie attività 

di Alfredo Bucciante

scritto il

Zoho è una suite di web application che si contraddistingue per completezza e focus business, grazie ad applicazioni potenzialmente rivolte ad imprenditori grandi e piccoli, e per professionisti e studi che necessito di un supporto gestionale per la propria attività .
Quasi tutte hanno una versione di base gratuita, e versioni più complete a pagamento.

Abbiamo già  parlato di Zoho People, Zoho Invoice e Zoho Creator, strumenti utili per gestire il personale, produrre fatture e database.

Oggi vediamo più da vicino Zoho Project, servizio di gestione per scadenze e progetti.

Occorre registrarsi, ma se l’avete già  fatto per uno dei servizi Zoho potete entrare con le vostre credenziali: la registrazione vale infatti per tutti.

Siamo dunque dentro al nostro pannello di controllo. Occorre qualche istante per prendere confidenza con i vari comandi, ma il funzionamento complessivo è piuttosto semplice.

Dal menu di sinistra, cliccando su New Project, ne inizieremo uno nuovo. Basta inserire nome e descrizione.

Il progetto è da intendere come una sorta di cartella, all’interno della quale mettere i vari elementi accessori che incontriamo nel menu immediatamente superiore all’area di lavoro: Task & Milestones per gli obiettivi intermedi, Calendar per visualizzare il calendario, Meetings per inserire appuntamenti, Documents per gli allegati, Reports per generare un grafico sulle attività , Forum per discutere del progetto e Users per inserire nuovi collaboratori.

In questo menu c’è anche la funzione Timesheet. Simile al Calendario, consente di partire da un Task e tenere traccia del tempo impiegato per compiere le diverse attività , che verranno poi riassunte settimana per settimana.

Il servizio gratuito è limitato ad un solo progetto, ma ne esistono altri a pagamento, dallo Standard, che permette di gestire 10 progetti per 12 dollari al mese, all’Enterprise, che ha progetti illimitati per 80 dollari al mese.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!