La telemedicina nei piccoli comuni: ECG a Calizzano

di Stefano Pierini

scritto il

Un piccolo comune di 1500 abitanti che con la telemedicina sviluppa nuovi servizi di prevenzione sanitaria per una popolazione sempre piu anziana e che vive in zone interne e rurali.

Un servizio di telemedicina per eseguire l’elettrocardiogramma senza doversi spostare per la Riviera. E’ attivo da questo mese di ottobre a Calizzano, un piccolo centro in provincia di Savona, in Liguria, presso l’ambulatorio comunale. Il progetto nasce dalle collaborazione fra il Comune, la Asl 2 Savonese, e associazioni di volontariato quali la Croce Azzurra e il Consorzio per la tutela del sottobosco di Calizzano.

Il servizio sanitario è attivo un giorno alla settimana e all’ambulatorio gli esami saranno inviati, per via telematica, dal servizio cardiologico dell’Ospedale S.Paolo di Savona e successivamente, il medico di base provvederà ad impostare la cura, con l’acquisizione di dati elaborati da strutture di eccellenza.

Tale integrazione di servizi permette di abbinare la rapidità della diagnosi a una maggior efficacia dell’assistenza sanitaria.

La collaborazione con le associazioni dimostra come nei piccoli comuni sia indispensabile e determinante la costituzione di reti di solidarietà fra la pubblica amministrazione e la società civile.

Calizzano è un piccolo comune di circa 1500 abitanti dell’alta val Bormida, posto a 630 metri di altitudine, ricco di castagneti, al confine fra Liguria e Piemonte. La popolazione anziana, come negli altri paesi confinanti (Bardineto, Massimino, ecc..), è molto numerosa (la Liguria è la Regione con il più alto indice di anzianità, il 27% della popolazione è over 65) e quindi un servizio cardiologico che eviti, soprattutto nei mesi invernali, difficoltosi spostamenti, diventa, pur nella sua semplicità tecnica, una politica sociale mirata e capace di far comprendere il valore oggettivo e per vari target della telemedicina.

Dal sindaco, Enrico Mozzoni, abbiamo appreso che la richiesta del servizio di telemedicina era stata già richiesta da alcuni anni alla Asl Savonese in quanto la posizione di Calizzano è baricentrica ai tre ospedali limitrofi (Albenga, Pietra Ligure e Savona) e quindi può convogliare anche un’utenza maggiore.

Una piccola realtà che dimostra di saper essere sede di innovazione, di utilizzo efficiente della strumentazione telematica che, in presenza di buone connessioni di rete, consente di mantenere qualificati interventi socio-sanitari.

La Asl 2 Savonese è molto attiva e sensibile anche nel settore dell’infanzia. Infatti sta avviando l’iniziativa “PediARTria in corsia” all’Ospedale San Paolo di Savona, dove, attraverso i laboratori creativi verranno elaborate appropriate strategie ludiche per l’attenuazione da parte dei bambini dell’ansia dall’essere ricoverati in un Ospedale.

I Video di PMI