Atika, il clima ottimale in casa tutto l’anno

di Lorenzo Gennari

scritto il

Atika è una casa realizzata da Velux Italia e dall'agenzia per l'energia e lo sviluppo sostenibile del Comune di Roma, studiata per avere un clima interno ottimale per tutto l'anno riducendo l'utilizzo dell'aria condizionata e del riscaldamento

Da fine maggio alla fine di luglio, presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, sarà possibile ammirare Atika, la nuova casa a risparmio energetico progettata appositamente per i climi mediterranei.

Dopo la presentazione in anteprima mondiale a Bilbao in Spagna, è sbarcata in Italia la prima casa “intelligente” a bassi consumi energetici, realizzata da Velux Italia e da RomaEnergia, agenzia per l’energia e lo sviluppo sostenibile del Comune di Roma.

L’obiettivo del clima interno ottimale 365 giorni all’anno è stato raggiunto sfruttando piccoli accorgimenti come la ventilazione naturale o la forma stessa dell’abitazione, le pendenze del tetto e la dislocazione delle finestre.

In più ci sono diversi orientamenti delle falde del tetto, dove l’orientamento a nord garantisce luce indiretta ottimale durante la stagione estiva, mentre quello a sud permette di accumulare calore durante l’inverno e di raccogliere l’energia attraverso i pannelli solari termici durante tutto l’anno.

Quindi le schermature solari alle finestre, per impedire ai raggi di surriscaldare i vetri durante l’estate e garantire un migliore isolamento dal freddo durante l’inverno o anche la flessibilità della struttura della casa, che può essere aperta o chiusa in base ai cambiamenti stagionali.

Sul sito www.veluxatika.it è possibile cimentarsi in un gioco online per mettere alla prova le proprie capacità nella progettazione di una casa a basso consumo energetico indipendentemente dalla stagione.

Le pagine Web sono ricche di dettagli tecnici anche per gli architetti e i progettisti. Tra i partner e i sostenitori del progetto figurano il ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, il ministero dello sviluppo economico, l’ordine degli architetti pianificatori paesaggisti e conservatori di Roma e provincia, l’istituto nazionale di architettura (InArch), il centro interuniversitario A.B.I.T.A. di Firenze, la facoltà di architettura dell’Università di Ferrara, il politecnico di Milano e il sole24ore Business Media.