Tratto dallo speciale:

Pagamenti digitali: Cashback di Natale dall’8 dicembre

di Redazione PMI.it

scritto il

Piano Cashback di Natale: rimborsi del 10% su almeno dieci acquisti con pagamento digitale dall'8 dicembre: tetti massimi e regole, per l'avvio e a regime.

Mancava solo la data di inizio del piano cashback di Natale, che ora è stata fissata per il prossimo 8 dicembre (giorno dell’Immacolata Concezione e tradizionale data di avvio delle festività natalizie): non c’è ancora il provvedimento ma il Governo annuncia ufficialmente l’avvio sul proprio portale e sul sito della app IO, necessaria per partecipare al progetto che prevede il rimborso del 10% sugli acquisti in negozio effettuati con pagamento digitale come carte e app.

La «partenza dell’Extra Cashback di Natale – si legge -, in attesa della pubblicazione del relativo provvedimento sul sito del ministero dell’Economia e delle Finanze, è dunque prevista per l’8 dicembre 2020».  Si tratta di un piano che entrerà a regime nel 2021, ma che è stato anticipato a dicembre (con regole un po’ diverse) per stimolare l’economia nel periodo delle feste, oltre che i pagamenti digitali.

Come funziona

Prevede la restituzione di una quota pari al 10% di quanto speso per acquisti effettuati con pagamenti digitali. Le regole sono contenute nel decreto ministeriale dell’Economia 156/2020, che applica le norme contenute nella Legge di Bilancio 2020 (commi da 288 a 290, della legge 160/2019).

Prevede un rimborso in denaro per le persone fisiche che fanno acquisti pagando con strumenti elettronici. Sono escluse le spese effettuate nell’ambito dell’attività d’impresa, arte o professione. L’adesione avviene su base volontaria, scaricando la app IO, oppure utilizzando il sistema messo a disposizione dal negozio, inserendo codice fiscale ed estremi identificativi degli strumenti di pagamento. E’ necessario avere le credenziali SPID. Dopo aver effettuato questi passaggi, che rappresentano una sorta di iscrizione, la partecipazione vera e propria al programma parte con il primo acquisto che viene effettuato.

Il rimborso, come detto, è pari al 10% di ogni spesa effettuata, con un tetto massimo di rimborso pari a 15 euro per ogni acquisto e a 150 euro per la totalità delle spese effettuate in un singolo periodo. Non c’è un tetto minimo di spesa, valgono tutti gli acquisti pagati con carte o app di pagamento in negozi, bar, ristoranti, supermercati, grande distribuzione, artigiani e professionisti.

Extra Cashback di Natale

Il cashback di Natale scatta se nel mese di dicembre 2020 se si effettuano almeno dieci acquisti (naturalmente, con pagamenti digitale). In ogni caso, anche se il numero di compere è superiore, il rimborso massimo per tutte le spese effettuate in dicembre nell’ambito del piano è pari a 150 euro. Così come, per quanto riguarda le singole spese, il cashback massimo resta a 15 euro (quindi, per uno scontrino da 250 euro, vengono rimborsati 15 euro, non 25). Il rimborso di Natale avverrà in febbraio.

Cashback e Supercashback

Dal 2021, poi, con il piano cashback a regime, bisognerà invece fare almeno 50 acquisti per ogni semestre: gennaio giugno 2021, luglio – dicembre 2021, gennaio – giugno 2022. Il rimborso massimo resta a 15 euro per ogni acquisto e a 150 euro nel semestre. significa che si può ottenere un rimborso massimo di 300 euro all’anno, in presenza di almeno 100 operazioni di pagamento digitale, effettuate metà nel primo semestre e metà nel secondo.

=> Lotteria scontrini: registrazione e rimborso di Natale al via

Infine, c’è il Supercashback, che prevede un premio per i primi 100mila acquirenti che effettuano il maggior numero di operazioni in ogni semestre. Il premio è pari a 1500 euro per ogni semestre.

Ricapitolando: si può ottenere fino a 300 euro all’anno (150 euro a semestre) con almeno 50 pagamenti. Ed ogni 6 mesi i primi 100.000 cittadini ad effettuare più transazioni avranno indietro 1.500 Euro. Quindi, con il Super Cashback si può ottenere fino a 3.000 euro all’anno.

Registrazione

In fase di registrazione al Cashback si dovranno inserire:

  • estremi identificativi di uno o più carte (credito, debito, PagoBancomat) o attivare il Cashback su account Satispay. Da gennaio sarà possibile inserire anche account Bancomat Pay e, a seguire, Apple Pay, Google Pay e altre tipologie di carte e app  che vorranno aderire.
  • codice IBAN del conto su cui si vogliono ricevere i rimborsi.

Il portale ufficiale è raggiungibile all’indirizzo cashlessitalia.it mentre la app IO si può scaricare dai principali store.