Riforma PA: accesso civico ai documenti

di Teresa Barone

scritto il

Approvate le modifiche al FOIA (Freedom of Information Act): libero accesso civico ai dati della PA.

Camera e Senato hanno dato il loro parere positivo al decreto trasparenza, sancendo importanti novità per quanto riguarda il FOIA (Freedom of Information Act) annunciate recentemente dal Ministro Marianna Madia.

=> Riforma PA: a che punto siamo?

Si prevede, infatti, l’accesso da parte di cittadini e imprese ai documenti della Pubblica Amministrazione, agli atti e alle informazioni, in modo da consentire il controllo dell’attività pubblica e verificarne la legalità.

=> Debutta l’Identità Digitale

L’accesso dovrebbe essere gratuito, con la richiesta di rimborso solo per la riproduzione.

Le PA che rifiutano di condividere gli atti, inoltre, sono tenute a giustificare e motivare il diniego.

Queste le parole condivise su Facebook dal Ministro Madia:

«Per la prima volta in Italia si riconosce a tutti “il diritto di sapere”, le persone potranno avere con semplicità informazioni dalla pubblica amministrazione. Si apre ora per i cittadini una grande opportunità, perché attraverso l’accesso a dati e documenti della PA possono diventare protagonisti della cosa pubblica.»