Rivoluzione nella PA: proposte via email

di Teresa Barone

scritto il

Il Premier Renzi attiva un account email per raccogliere le opinioni dei cittadini in materia di Riforma della PA: scrivi a [email protected]

La riforma della PA annunciata dal Premier Matteo Renzi e dal Ministro Marianna Madia prende forma, e chiama a rapporto dipendenti statali, sindacati, dirigenti pubblici e cittadini, invitati a segnalare proposte e opinioni attraverso la casella email [email protected].

=> Scopri la riforma della PA annunciata da Matteo Renzi

L?attivazione dell?account, dal 30 aprile al 30 maggio, precede la vera e propria discussione della riforma in sede di Consiglio dei Ministri programmato per il 13 giungo. In pratica 40 giorni dedicati al confronto e alla partecipazione di coloro che vorranno far pervenire la loro opinione.

Tre le parole chiave che compongono il leitmotiv della riforma: capitale umano, innovazione, tagli alle strutture non necessarie: «Non c’è un tema di esuberi” ha dichiarato Renzi. “La pubblica amministrazione italiana ha una media tra lavoratori e cittadini uguale a quella degli altri paesi europei, anzi è minore di Francia e Inghilterra. I risparmi non li facciamo eliminando i singoli dirigenti, ma se si accorpano enti e sedi si risparmia molto di più che non con l’esubero.»

Se i dirigenti della PA diventeranno licenziabili, per i dipendenti non si parla di tagli ma di mobilità obbligatoria, favorendo lo spostamento dei lavoratori statali da un ente a un altro in caso di esubero. Per quanto riguarda la tanto discussa staffetta generazionale, invece, le intenzioni del Governo non sono state ancora chiarite anche a causa del mancato confronto con i sindacati che probabilmente avrà luogo entro la fine del mese.

=> Leggi l?ipotesi di staffetta generazionale del Ministro Madia

Una grande novità è data dall?introduzione del PIN del cittadino, un sistema di accesso ai servizi pubblici semplificato e innovativo basato su un unico codice individuale.

I Video di PMI