Semplificazione 2.0 per le amministrazioni laziali

di Redazione PMI.it

scritto il

Approvato cofinanziamento regionale di 16 nuovi progetti di digitalizzazione, per modernizzare le amministrazioni pubbliche del Lazio

Nell’ambito del programma quadro in tema di Società dell?informazione, e-government e servizi ai cittadini, la Regione Lazio ha concesso un cofinanziamento dell’85% per l’avvio di 16 nuovi progetti – che troveranno attuazione nelle diverse sedi amministrative di tutte e cinque le provincie – per contribuire alla realizzazione di amministrazioni digitali tecnologicamente all’avanguardia.

L’iniziativa rientra nell’intervento “Semplificazione 2.0“, a integrazione dell’accordo siglato fra Regione e Cnipa lo scorso luglio 2007, e prevede lo stanziamento regionale di circa 2,6 milioni di euro, a fronte di un investimento complessivo di oltre 3 milioni di euro.

«Un ulteriore passo sul percorso avviato per sostenere la riorganizzazione amministrativa degli enti locali e lo snellimento delle procedure, a beneficio dei cittadini», l’ha definito l?assessore alla Tutela dei Consumatori e Semplificazione Amministrativa, Mario Michelangeli.

Soltanto 3 dei progetti sono finalizzati a rendere tecnologicamente più efficiente il sistema amministrativo interno ai singoli enti, mentre i restanti 13 si pongono l’obiettivo di migliorare il servizio offerto ai cittadini.

Alcuni esempi: dematerializzazione e digitalizzazione dei flussi documentali, creazione banche dati e sistemi informativi integrati, erogazione servizi interoperabili per cittadini e imprese, realizzazione di piattaforme web di servizio pubblico, ecc.

A monitorarne la realizzazione, in veste di tutor per gli enti attuatori, sarà la società regionale di innovazione tecnologica LAit spa, che ha altresì svolto la valutazione tecnico-economica dei progetti stessi.

In linea con gli obiettivi di semplificazione e interscambio di esperienze sostenibili fra amministrazioni locali, i progetti dovranno fornire i primi risultati operativi entro il primo anno di avvio, con un intervento globale che non supererà i 18 mesi.