Sclerosi multipla, al via concorso fotografico

di Lorenzo Gennari

scritto il

Si chiama "Clikkiamo un'emozione" ed è un concorso fotografico, giunto alla terza edizione, aperto a tutte le persone affette da sclerosi multipla, ai loro familiari e amici

Dopo il grande successo delle prime due edizioni, la fondazione Cesare Serono, che da sempre è impegnata nel sostegno alla ricerca scientifica in merito ad alcune importanti patologie quali la sclerosi multipla, la psoriasi, i disturbi della crescita e l’iInfertilità, ha pubblicato anche quest’anno il bando del concorso fotografico “Clikkiamo un’emozione“, aperto a tutte le persone affette da sclerosi multipla, ai loro familiari ed amici.

La partecipazione è gratutita e prevede l’invio di 3 fotografie, a partire dalle ore 12.00 del 30 Marzo 2009 fino alle 24.00 del 30 Giugno 2009 all’indirizzo della fondazione. Seguendo le istruzioni descritte su www.clikkiamo.org, è possibile, dopo aver compilato il form d’iscrizione presente sul sito, spedire le proprie foto online, in formato jpg. Nel caso in cui si preferisca la modalità di invio tramite posta ordinaria è possibile utilizzare la stampa su supporto cartaceo in formato 20×30, corredata di negativi oppure si possono masterizzare i file su cd-rom, sempre in formato jpg e leggibile su sistemi Windows.

In allegato dovrà però essere sempre presente la scheda di partecipazione (scaricabile online) stampata, firmata e compilata in tutte le sue parti. Inoltre le fotografie dovranno riportare il nome del fotografo, il titolo della fotografia, il luogo e la data dello scatto.

La premiazione si svolgerà nel mese di luglio ed il vincitore sarà proclamato da un’apposita commissione nominata dalla fondazione Cesare Serono, composta da un fotografo professionista, un rappresentante dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), un neurologo ed un rappresentante della fondazione.

Tutte le fotografie in concorso parteciperanno alla selezione delle 12 immagini che fondazione Cesare Serono utilizzerà per il prossimo calendario 2010. «La fotografia ha la grande capacità di proporsi come linguaggio universale, ed è per questo che vogliamo invitare i pazienti ed i loro cari a superare le barriere fisiche e psicologiche in cui può rimanere imprigionato chi vive la malattia, e a comunicare le proprie emozioni attraverso la forza delle immagini», ha dichiarato il Dr. Giovanni Scacchi, presidente della fondazione Cesare Serono.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso