Stati Uniti: cittadini sotto controllo

di Roberta Donofrio

scritto il

Al via Next Generation Identification, il database informatico che rileva scansioni oculari e impronte digitali dei cittadini americani per garantire la sicurezza nazionale

Scenari da Minority Report per i cittadini americani. Il Governo degli Stati Uniti ha intenzione di intensificare le politiche di sorveglianza con la realizzazione di un nuovo database biometrico che include scansioni oculari e impronte digitali.

Il nuovo archivio informatico, che si chiama Next Generation Identification, costerà un milione di dollari e sarà gestito dalla società Lockheed Martin che ne ha curato anche versioni precedenti.
A garanzia della sicurezza dei cittadini, l’NGI aderisce agli standard tecnici approvati dal Dipartimento della Homeland Security e dal Dipartimento della Difesa.

I dati generati dal nuovo sistema di rilevazione andranno a infoltire il database dell’FBI che contiene circa 55 milioni di impronte digitali.

Dopo l’attivazione del sistema di intercettazione che impone ai provider di fornire alle autorità relazioni dettagliate sul traffico telefonico e web, quest?ennesima iniziativa governativa intrapresa in nome della sicurezza nazionale sta destando numerosi dubbi di costituzionalità.

Barry Steinhardt, direttore della American Civil Liberties Union’s Technology and Liberty Project dichiara: «È l’inizio della società sorvegliata in cui si può essere monitorati ovunque, in qualunque momento e in ogni movimento, tutte le vostre attività saranno monitorate e annotate».