Bando per nuovi progetti ICT

di Roberta Donofrio

scritto il

La Regione Piemonte ha lanciato un bando per progetti di ricerca e sviluppo nell?ICT. Le aziende selezionate avranno a disposizione un finanziamento pubblico di oltre18 milioni

La Regione Piemonte è alla ricerca di nuove idee per l’ICT.
E per dare nuovo impulso allo sviluppo delle nuove tecnologie ha presentato, nei giorni scorsi, un bando per progetti informatici destinato alle imprese del territorio.

Un’iniziativa promossa dal Distretto Torino Wireless, di cui fanno parte oltre alla regione Piemonte anche il Ministero dell’Università e della Ricerca, Provincia, Comune e Camera di commercio di Torino.

«Questo bando – ha dichiarato l’assessore regionale alla Ricerca e Innovazione, Andrea Bairati – è nei modi e nei contenuti coerente con la programmazione regionale che individua nell’ICT uno dei fattori di accelerazione trasversale a molti settori industriali dell’economia piemontese. Se un territorio investe e crede nella ricerca come fattore di sviluppo, trova negli attori locali i migliori alleati per perseguire obiettivi comuni: Torino Wireless è il driver che deve agire sulla competitività di questo settore, in accordo con il governo locale».

Destinatari del bando sono le piccole e medie imprese piemontesi, i centri di ricerca, consorzi e parchi tecnologici che grazie all’accordo di questi enti avranno a disposizione uno stanziamento pubblico di 18,5 milioni di euro e circa 200 ricercatori nell’arco di 3 anni.

Le aziende dovranno presentare le loro candidature entro il 25 febbraio e quelle di cui verrà selezionato il progetto, parteciperanno al finanziamento con una somma 6 milioni.

Connettività wireless e a fibre ottiche a basso costo, l’implementazione della sicurezza degli impianti produttivi, il telecontrollo e telegestione nei settori aeronautico ed energetico e le applicazioni in ambiente mobile di dati audio e video sono solo alcuni dei temi su cui si cimenteranno le imprese per la realizzazione dei progetti.

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi