Toscana in movimento con i-mobility

di Marianna Di Iorio

scritto il

La Regione Toscana ha presentato una nuova piattaforma, disponibile a partire dal 2008, che fornirà informazioni sulla mobilità privata e pubblica

La Regione Toscana ha presentato, la scorsa settimana, il progetto i-mobility, un sistema che ha l’obiettivo di fornire informazioni utili sulla mobilità pubblica e privata.

In particolare, la piattaforma, annunciata nei giorni scorsi durante la giornata degli Stati generali della Sostenibilità regionale, dovrebbe garantire informazioni sulla stato della rete viaria toscana e sullo stato dei trasporti pubblici in tempo reale.

Si tratta di un servzio in mobilità disponibile non soltanto attraverso il Web, ma anche su dispositivi mobili come palmari e cellulari. L’utente, dunque, potrà ad esempio sapere in anticipo dove si trova il parcheggio libero più vicino o se esiste un varco ztl nella zona in cui desidera passare.

«Il sistema va nella direzione scelta e intrapresa dalla Toscana – ha spiegato l’assessore regionale al territorio, Riccardo Conti – quella del Piano di indirizzo territoriale, che garantisca collegamenti veloci, intermodali, capillari e il meno possibile inquinanti. Una Toscana che si sviluppa come città delle città, come regione policentrica. In Italia siamo i primi a concepire un sistema informativo a dimensione regionale, perchè di solito questo è su scala urbana o metropolitana».

Le informazioni richieste saranno erogate tramite i servizi di localizzazione e posizionamento del GPS e successivamente attraverso il sistema europeo Galileo.

La Regione Toscana ha deciso di destinare all’iniziativa un fondo pari a 20 milioni di euro fino al 2010: 6 milioni provengono dai fondi europei, 4,8 dal Pir (il Progetto di interesse regionale), 1,2 milioni dal Cipe e 8 milioni che la Regione fornirà direttamente alle aziende del trasporto pubblico.

I Video di PMI

ISEE, i modelli caso per caso