Tratto dallo speciale:

Creare la relazione con un partner

di Chiara Basciano

scritto il

Come comportarsi quando arriva il momento di scegliere un partner di lavoro.

Ci sono momenti della vita professionale in cui è necessario fare una valutazione concreta sugli obiettivi raggiunti e quello ancora da centrare. Il cammino non è mai lineare ma il momento del bilancio arriva sempre. A volte, durante questo processo ci si rende conto di aver bisogno di trovare un partner, magari per migliorare le vendite oppure per colmare quelle che sono state identificate come proprie lacune.

=> Partnership strategica: a cosa fare attenzione

Questo primo momento di autovalutazione è molto delicato, presuppone molta lucidità e la necessità di fare valutazioni concrete e misurabili. L’eventuale partner deve entrare in un settore specifico, facendo da supporto concreto all’azienda o allo studio. Ma, essendo un rapporto reciproco, si deve essere in grado di offrire qualcosa in cambio.

Per questo è necessario valutare le proprie potenzialità. Il partner scelto non deve per forza condividere valori e vision, ma deve essere in linea con la propria attività, altrimenti – anche a livello reputazionale – ci saranno delle stonature. Come si dice: patti chiari, amicizia lunga.

=> Le false aspettative che distruggono le partnership

Quindi, una volta individuato il partner e avviato l’accordo sarà necessario stabilire i termini della collaborazione, assicurandosi del reciproco vantaggio. Una parte importante è la comunicazione. Il contatto deve essere costante: per questo, avviare un programma di condivisione di documenti e progressi fatti assicura una maggiore trasparenza.

La tecnologia permette infine di ottenere aggiornamenti in tempo reale, non bisogna sottovalutarne l’importanza, così come è necessario valutare costantemente i benefici derivanti dalla partnership e i risultati ottenuti, in un clima di fiducia e chiarezza costanti.