Fumare sul lavoro: licenziamento legittimo?

di Teresa Barone

scritto il

Reintegrato e risarcito dopo essere stato licenziato per aver fumato sul lavoro, ma all?aperto: sentenza.

Il Tribunale di Monza ha disposto il reintegro di un lavoratore licenziato perché sorpreso a fumare in orario di lavoro sebbene all’aperto.

Tenendo conto della particolare condizione del luogo di lavoro (un cantiere esterno), i giudici hanno infatti sottolineato l’illegittimità del provvedimento avviato dall’azienda, condannata a riassumere il dipendente e a corrispondergli le retribuzioni maturate a partire dalla data di licenziamento.

=> Leggi perché l’infedeltà all’azienda porta al licenziamento

La vicenda, resa nota dalla Cisl di Milano, chiarisce uno dei casi in cui il datore di lavoro non è legittimato a imporre il licenziamento disciplinare nei confronti di un lavoratore, definendo anche i termini di reintegro. A tal proposito è molto esaustivo l’intervento dell’avvocato difensore del lavoratore, Filippo Raffa:

«Troppo spesso nei procedimenti disciplinari ci si concentra sul contenuto della contestazione senza tenere conto del punto di vista del lavoratore e del contesto in cui questa viene comminata.»

=> Leggi la normativa su licenziamento per assenze ingiustificate

Secondo il segretario della Fim Milano Metropoli Gianluca Tartaglia: «Questa sentenza è importante in quanto sancisce che il reintegro è possibile superando cosi le diffidenze riguardo la Riforma del Lavoro del luglio 2012, che sembrava aver attenuato le garanzie poste a tutela del lavoro e dei lavoratori, dimostrando che anche il sindacato deve provare a cambiare i luoghi comuni che portano a credere che sia impossibile contrapporsi a queste ingiustizie».

I Video di PMI