Lavorare in nero

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Tra rischi e conseguenze, ecco quello che bisogna sapere sul lavoro in nero.

Le difficoltà economiche e i problemi collegati alla ricerca di un buon lavoro può portare ad accettare anche lavori in nero.

Disoccupazione 2017

Prima di capire i reali rischi è importante specificare che si parla di lavoratore in nero quando non è presente una reale assunzione tramite regolare contratto, quest’ultimo indispensabile per tutelare il lavoratore e l’azienda. Non bisogna poi sottovalutare le conseguenze, molto spesso si pensa che spettano solo ed esclusivamente all’azienda, in realtà non è affatto così a pagare sono tutti. Nello specifico si parla di complesse conseguenze anche per il dipendente, infatti tra queste si trova il rischio di querela per il reato di falso in atto pubblico. Ma non solo, il dipendente rischia, nel caso in cui percepisce la disoccupazione, la reclusione fino a 2 anni. Inoltre per aver indebitamente percepito erogazioni ai danni dello Stato, si rischia la reclusione da sei mesi a tre anni ed infine l’INPS chiederà la restituzione delle somme percepite indebitamente e forse il risarcimento dei danni subiti.

Il costo del lavoro irregolare

Per l’azienda che assume personale non dichiarato di parla di una maxisanzione per lavoro sommerso, di natura amministrativa, che varia a seconda della durata dell’impiego effettivo e parte dai 1.500 sino a 36.000 euro per ciascun lavoratore irregolare. Ricordando che in caso di impiego di lavoratori stranieri o di minori in età non lavorativa, le sanzioni aumentano del 20%.

Fonte: Shutterstock

I Video di PMI

Guida ISEE: compilazione DSU