Dottori di ricerca: occupazione e retribuzione

di Redazione PMI.it

scritto il

Prospettive occupazionali, retribuzione e livello di soddisfazione dei dottori di ricerca: i dati dell'ultima indagine ISTAT.

Osservare il percorso di studi e gli esiti lavorativi dei dottori di ricerca che hanno conseguito il titolo di studio nel 2012 e nel 2014: con questo obiettivo, l’ISTAT ha realizzato la terza indagine sull’inserimento professionale dei giovani che hanno ottenuto il dottorato, evidenziando come nel 2018 lavori il 93,8% di loro mentre il 4,6% sia alla ricerca di un impiego e l’1,6% non cerchi un’occupazione.

=> Borse di dottorato per industria 4.0, welfare e sviluppo sostenibile

Sebbene l’occupazione sia caratterizzata da livelli positivi in tutte le aree disciplinari, sono soprattutto i dottori in ingegneria industriale e nell’informazione a vantare una condizione professionale ottimale.

Stando ai dati, un dottore su dieci lavora come professore o ricercatore universitario, mentre è in aumento rispetto al passato la quota di occupati nel settore dell’istruzione non universitaria. Il dottorato è considerato comunque un percorso utile per accedere al mondo del lavoro da oltre il 79% degli occupati.

Per quanto riguarda la retribuzione media, a sei anni dal titolo il reddito netto mediano mensile è pari a 1.789 euro, seppure con alcune differenze tra le varie aree disciplinari.

Ad essere in aumento è anche il numero di dottori che scelgono di studiare fuori dai confini nazionali, optando soprattutto per gli USA, il Regno Unito e la Germania.

Tra i dottori di ricerca, inoltre, prevale la componente femminile specialmente tra coloro che hanno ottenuto il dottorato studiando presso gli atenei del Sud.

Osservando i dati occupazionali dal punto di vista territoriale, invece, a trovare lavoro più rapidamente sono i dottori che vivono nel Nord-Ovest, mentre la condizione sembra meno favorevole per i colleghi che vivono nel Mezzogiorno.