Da dipendente a dirigente: come fare il grande salto

di Floriana Giambarresi

scritto il

Come fare il grande salto e passare da dipendente a dirigente? Ecco una breve e semplice guida per migliorare enormemente la propria carriera.

C’è un modo per fare il grande salto e passare da dipendente a dirigente, e non è così impossibile come si pensa. Certo ci sono delle cose da imparare per cambiare drasticamente ruolo, ma alla fine dei conti sarà molto soddisfacente per se stessi e per la propria carriera. Ecco di seguito qualche consiglio.

=> Scopri come trasformare una passione in una carriera

Gestire un business significa che avrete tonnellate di nuove responsabilità, dallo sviluppo del business alla gestione dei clienti, alla creazione di rapporti professionali, marketing, contabilità e supervisione delle risorse umane. È dunque indispensabile avere un piano ben preciso per coprire le nuove responsabilità, altrimenti non riuscirete come imprenditore o comunque avrete troppe difficoltà.

Non abbiate paura di ridefinire lo status quo. Se ad esempio prendete in gestione un’azienda già costruita, probabilmente personalità, stile e obiettivi saranno diversi da quelli del precedente capo. Bisogna dunque trovare un equilibrio e non attuare sin da subito cambiamenti drastici, ma dare a tutto il team il tempo di ambientarsi.

Non sconvolgetevi se qualcuno si licenzierà. Quando le cose cambiano, capita che alcuni dipendenti vadano via, ma questa non è la fine del mondo, anzi. Approfittatene per avviare un programma di assunzione mirato a trovare nuovi talenti che siano felici ed entusiasti di lavorare per la vostra azienda.

Passare da dipendente a dirigente non è comunque semplice, anzi rappresenta un cambiamento importante che potrebbe portare a stress, non importa quanto positivo possa essere. Trovare un mentore dunque a cui appoggiarvi e che possa aiutarvi soprattutto nelle fasi iniziali.

=> Leggi quali sono le offerte di lavoro meglio retribuite

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari