Il lavoro del futuro

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Le professioni del futuro ecco quali saranno.

Il futuro aprirà le porte a nuove professioni lavorative, da recenti ricerche sono emersi i lavori del futuro che appaiono molto interessanti e utili. 

=> Collaboration e tecnologia nel lavoro del futuro 

Ecco i lavori del futuro:

  • ingegneri di strutture in stampa 3 D;
  • guida sanitaria;
  • analista dei trasporti;
  • esperto di benessere aziendale;
  • semplificatore;
  • selezionatore di Robots;
  • scenografo dei ricordi;
  • ottimizzatore di comunità.

 

Gli ingegneri di strutture in stampa 3 D saranno coloro capaci di utilizzare la tecnologia 3D non solo per piccoli oggetti, ma per creare strutture provvisorie per emergenze. Basta pensare come risolverebbe moltissimi problemi in caso di alluvioni o terremoti, per creare in maniera veloce strutture di accoglienza.

La guida sanitaria consiste nel sviluppare con le nuove tecnologie strumenti in grado di seguire i paziente anche a casa. Ma non solo anche affiancare pazienti e parenti in tutto il percorso della malattia e della giacenza nell’ospedale.

Per quanto riguarda il trasporto troviamo l’analista dei trasporti, sarà la figura che gestirà i trasporti che diventeranno tutti e completamenti automatizzati.

L’esperto di benessere aziendale è colui che rendere l’ambiente lavorativo perfetto, inoltre deve saper coinvolgere, distrarre, svagare e divertire i dipendenti. In alcune aziende italiane è già presente qualcosa di similare, ma la figura che nascerà nel futuro sarà completa al cento per cento.

=> Come sarà l’ufficio del futuro? 

Il semplificatore sarà colui capace di cogliere l’essenza di un processo, figura essenziale sopratutto nella ricca tecnologia futura. 

Il selezionatore di Robots, dovrà come dice il nome stesso selezionare tenendo in considerazione bisogni, esigenze familiari, esigenze di assistenza, il robot adatto per ogni situazione.

Lo scenografo dei ricordi servirà perché la vita media si allungherà e sarà necessario creare degli ambienti che ricordano eventi passati. Ad esempio creare degli ambienti scenografici grazie alle nuove tecnologia che daranno la possibilità alle persone di rivivere sensazioni o periodi passati.

Infine l’ottimizzatore di comunità, sarà colui che dovrà gestire le relazione su cui si baserà il sistema.