Cambiare il proprio capo

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Un ambiente di lavoro sereno dovrebbe iniziare dal carattere del capo, ecco le conseguenze di un capo tiranno.

Il lavoro è ricco di problematiche, anche lavorando in un ambiente sereno, non mancano mai gli imprevisti, un grande carico di lavoro e disguidi. Per questo le stress da lavoro è molto presente, anche se si cerca di creare l’ambiente di lavoro migliore.

=> Il dirigente che vale

Purtroppo la crisi economica non ha aiutato questo intento, in quanto per mancanza di soldi, si sono abbassati o eliminati del tutto benefit, uffici più grandi, computer migliori e così via. 

Ma tutto ciò riguarda solo l’aspetto tecnico del lavoro, altri elementi sono fondamentali per creare il giusto ambiente lavorativo, anche se in alcuni casi, significherebbe modificare capi e colleghi.

Purtroppo la tecnologia e l’innovazione possono migliorare gli uffici e tutti gli strumenti utili per lavorare, ma le persone ed i caratteri non è poi così facile modificarli.

Recarsi al lavoro sapendo di dover combattere con il proprio capo tirano è l’incubo di tutti i lavoratori. Ma di certo non è una leggenda trovarsi davanti un capo tiranno, ma è un vera e propria realtà.

Ma cosa porta un capo ad essere irritante e scontroso?

Essere un capo ed un leader significa dover conquistare il rispetto e l’attenzione di tutti, ed anche se sbagliata, la tecnica più usata è quella del “terrore”. Ma purtroppo questa tecnica reca solo un rispetto apparente, con conseguenze sui lavoratori molto pesanti, portando quest’ultimi solo e soltanto a lavorare male e controvoglia.

=> Il capo prepotente 

Solo un capo che ha la capacità di essere una guida, un punto di riferimento e un aiuto, riesce a conquistare davvero il rispetto e l’attenzione dei lavoratori.

Ma come si riesce a cambiare un capo tiranno?

I capi tiranni molto spesso nascondono delle grande fragilità e lacune, molto spesso i più arroganti sono i più insicuri, di certo però mettere in luce queste mancanze non aiuterà a modificare il proprio capo. La regola principale è quella di trovare le parole e il modo giusto per parlare con il proprio capo, la maggior parte delle volte la calma costante e il non reagire in modo arrogante è ciò che più li spiazza.

=> Il dialogo con il capo 

Per questo, anche se difficile, è importante riuscire a mantenere la calma, rispondendo alle provocazione e ai richiami con rispetto e con professionalità.

Inoltre quando si è sicuri di un proprio lavoro è importante mostrarsi sicuri e spiegare i propri pensieri, solo così il capo capirà di trovarsi davanti una persona valida e davvero competente.

I Video di PMI

Guida ISEE: compilazione DSU