Tratto dallo speciale:

Start-up innovative: nuova tempistica dal Ministero

di Noemi Ricci

scritto il

Chiarimenti del Ministero del Lavoro sulle start-up innovative: requisiti e termini per l’iscrizione alla “Sezione speciale” del Registro Imprese per accedere alle agevolazioni previste.

Per accedere alle agevolazioni per start-up innovative, le giovani aziende già esistenti potranno iscriversi alla “Sezione speciale” del Registro Imprese anche dopo il 17 febbraio 2013, data indicata nella Legge 221/2012 di conversione del 18 ottobre 2012 n. 179 (Decreto Sviluppo Bis):

La scadenza va intesa come termine “non perentorio”, ha spiegato il MEF in risposta al quesito posto da InfoCamere.

=> Consulta la Guida online per Start-up innovative

La possibilità di iscriversi alla Sezione speciale del Registro è però inderogabilmente riservata alle imprese start-up già costituite al 19 dicembre 2012 (data di approvazione della Legge 221/2012).

Per godere di semplificazioni e incentivi riservati a questo tipo di aziende, infine, il Ministero non concede alcuna deroga neppure per il termine di durata massima della start-up innovativa.

=> Leggi le istruzioni per start-up per iscriversi al Registro Imprese

Agevolazioni per start-up innovative

Alle start-up innovative vengono riservate agevolazioni fiscali, esenzioni per la costituzione e iscrizione al Registro delle Imprese (niente imposta di bollo né pagamento del diritto annuale dovuto alle camere di commercio), deroghe al diritto societario e una disciplina specifica per i rapporti di lavoro.

=> Leggi gli incentivi per le start-up

Più in particolare, nel caso in cui le start up stipulino contratti a tempo determinato questi dovranno avere una durata minima di 6 mesi e massima di 36 mesi, con la possibilità di essere rinnovati più volte all’interno dei 36 mesi e una sola volta successivamente, per un massimo di altri 12 mesi. Trascorsi questi 48 mesi complessivi il lavoratore, nel caso in cui continui a lavorare per l’impresa, dovrà essere assunto a tempo indeterminato.

I collaboratori possono essere pagati con stock option e i fornitori di servizi esterni  attraverso il work for equity.

Alle start up viene inoltre garantito l’accesso prioritario alle agevolazioni per le assunzioni di personale altamente qualificato. Previsti poi incentivi fiscali per gli investimenti nella start-up sia diretti che indiretti da parte di aziende e privati per gli anni 2013, 2014 e 2015.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso