Tratto dallo speciale:

Ddl Fiscale: emendamenti su redditi e pensioni

di Noemi Ricci

scritto il

Il Decreto di delega Fiscale non taglierà le detrazioni su redditi lavoro e pensioni: l'emendamento al Ddl approvato e quelli che verranno discussi.

Nel Decreto Fiscale non ci sarà alcuna revisione delle agevolazioni concesse sotto forma di detrazioni per redditi da lavoro, dipendente e autonomo, e delle pensioni.

Tali istituti verranno preservati grazie ad un emendamento alla Ddl delega fiscale presentato dal Pd e approvato dalla commissione Finanze della Camera con il benestare del Governo.

Leggi tutte le novità sul Decreto Fiscale

Tutelati redditi da lavoro e pensioni

Parere favorevole alla tutela delle detrazioni per redditi da lavoro e pensioni è stato espresso dal deputato Marco Causi, che ricorda come già al precedente Governo il Pd avesse fatto presente che tenere fuori aggredendo le detrazioni per i redditi da lavoro dalla revisione delle agevolazioni fiscali rappresenta un importante aspetto di equità.

Aumento IVA

E, con riferimento al Decreto fiscale, si torna a parlare di aumenti IVA, con la rassicurazione che «dalla razionalizzazione del sistema di agevolazioni vigente il Governo intende ricavare risorse necessarie a scongiurare l’aumento dell’IVA», ma è importante che questo non avvenga «a carico delle detrazioni che proteggono i redditi da lavoro e da pensione».

Approfondisci il tema dell’aumento IVA nella Delega Fiscale

Fino ad oggi c’era ancora non si sapevano notizie certe su questo punto, ma dopo l’approvazione dell’emendamento è sparita ogni incertezza.

No a regole retroattive

Un altro emendamento depositato in Commissione Finanze della Camera chiede che le nuove regole stabilite con il Ddl delega fiscale non siano retroattive, nel rispetto di quanto previsto dallo Statuto del contribuente, in linea con il federalismo fiscale previsto dalla Legge n. 42/2009 e con le direttive UE in materia di semplificazioni fiscali.

Iter del Decreto Fiscale

Entro il 5 ottobre è previsto il termine dell’esame degli emendamenti al decreto che punta ad un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita.

Finora si è discusso degli emendamenti all’articolo 1, “Delega al Governo per la revisione del sistema fiscale”, all’articolo 2 “Revisione del catasto dei fabbricati”, all’articolo 3 “Stima e monitoraggio dell’evasione fiscale” e all’articolo 6 “Gestione del rischio fiscale, governance aziendale e monitoraggio”.