Tassa sui bancomat per le imprese

di Barbara Weisz

scritto il

Tassa sui bancomat da rivedere: l'Agenzia delle Entrate annuncia rimodulazioni per la sanzione dal 10% al 50% sui prelievi senza beneficiario specifico, prevista dalla Riforma Fiscale.

Già ribattezzata tassa sui bancomat, la norma contenuta nell’articolo 15 del decreto sulla revisione del sistema delle sanzioni (attuativo di una parte della delega fiscale) introduce una serie di modifiche al DLsgl 471/1997, tra cui una sanzione dal 10% al 50% sui prelievi effettuati dal conto aziendale senza che vi corrisponda una giustificazione contabile: una sanzione sproporzionata, che ha suscitato le ire di Rete Imprese Italia e che ha portato Rossella Orlandi, direttore dell’Agenzia delle Entrate, ad anticipare un intervento allo studio per sostituire “una sanzione impropria” con una che sia meglio graduata e calibrata.

=> Riforma fiscale: i cinque nuovi decreti approvati

Nel caso in cui l’impresa sia sottoposta ad accertamenti della Guardia di Finanza, la sanzione inserita nel provvedimento – auspicabilmente modificata quanto prima – scatta in caso di:

 «mancata o inesatta indicazione del soggetto beneficiario delle somme prelevate».

In pratica, andrebbe a colpire qualsiasi tipologia di prelievo dal conto bancario intestato all’azienda, di cui l’imprenditore non sia in grado di indicare il beneficiario. Il decreto “incriminato” è fra quelli approvati in prima lettura dal Consiglio dei Ministri del 26 giugno, ora al vaglio delle commissione parlamentari per i necessari pareri. I tempi per le modifiche, dunque, ci sono tutti. Per questo Orlandi si esprime in modo favorevole ipotizzando di sostituire la multa con una sanzione più proporzionata, graduata in base al differente comportamento del contribuente, in modo da:

«eliminare anche nei confronti degli imprenditori la sanzione impropria, costituita dal considerare ricavi occulti le somme prelevate che non trovano giustificazione in contabilità».

Non solo, in base alle dichiarazioni rese da Orlandi:

«la disposizione si applica solo agli imprenditori e non ai professionisti».

Anche Enrico Zanetti, sottosegretario dell’Economia ha confermato la volontà di procedere con una modifica al testo del decreto, confermando l’impegno

«per eliminazione dai testi definitivi dei decreti di questi autentici accanimenti burocratici».

=> Reati fiscali e sanzioni: cosa cambia con la Riforma

Un’apertura, dunque, che segue la dura presa di posizione delle PMI. Rete Imprese Italia definisce la misura «assurda» e «peggiore della disciplina vigente». Si tratta, prosegue la sigla imprenditoriale, di una

«vera e propria follia burocratica», oltre che dell’ennesima «introduzione di una complicazione fiscale, soprattutto a carico delle imprese in contabilità semplificata, che va assolutamente stralciata dallo schema di decreto sulla revisione del sistema sanzionatorio».

La parola passa alle Camere, che dovranno intervenire sui decreti attuativi della delega fiscale (legge 23/2014), i quali torneranno poi in CdM per l’approvazione definitiva.

I Video di PMI

Locazione beni immobili: le sanzioni