Tratto dallo speciale:

SISTRI: le imprese avviano le prime azioni legali

di Redazione PMI.it

scritto il

Chiedono il rimborso sul SISTRI le Confederazioni d'impresa, che hanno avviato azioni legali contro il Ministero dell'Ambiente per il rimborso dei contributi inutilmente versati per il biennio 2010-2011.

Contro il SISTRI, Confartigianato, Cna, Casartigiani e Confesercenti hanno annunciato di aver avviato per le proprie imprese associate le prime azioni legali con l’obiettivo di recuperare i contributi versati per il biennio 2010-2011.

 

Rimborsi per 70 milioni di euro versati da 325.470 imprese italiane per un sistema, il SISTRI, ancora mai entrato in funzione.

Il sistema informatico per la tracciabilità dei rifiuti pericolosi è infatti ben lontano dall’essere pronto per diventare operativo e sostenere le imprese della filiera a combattere le ecomafie, ma agli imprenditori è stato richiesto di pagare le iscrizioni al servizio, l’acquisto delle chiavette USB (oltre 500 mila) e delle black box (quasi 90 mila): costi inutili che gravano sulle imprese già in difficoltà a causa della crisi economica tuttora in atto.

Così Confartigianato, Cna, Casartigiani e Confesercenti, oltre a chiedere il rimborso per le imprese, sottolineano ancora una volta le inefficienze emerse dai test SISTRI e chiedono «una revisione profonda e strutturale del sistema, per semplificare il quadro normativo e le procedure e rendere il SISTRI uno strumento di semplice utilizzo, realmente efficace per contrastare le ecomafie e fondato su criteri di trasparenza ed efficienza».

Nel frattempo però le imprese non possono pagare per un sistema che non funziona e le Confederazioni annunciano l’avvio delle dovute azioni legali contro il Ministero dell’Ambiente perché rimborsi alle imprese i costi sostenuti.