Riforma IMU e Catasto: aliquote record nei Comuni

di Barbara Weisz

scritto il

I Comuni innalzano le aliquote IMU sugli immobili diversi dalla prima casa per compensare il mancato gettito di giugno: uno scenario a tinte fosche, complicato dalla imminente riforma del Catasto.

In attesa della Riforma IMU di fine agosto, completa di revisione del Catasto, i sindaci che non hanno incassato la rata di giugno sulla prima abitazione hanno innalzato al massimo le aliquote comunali su seconde case e immobili d’impresa, per fare quadrare i conti.

=> Vai allo Speciale IMU

Uno scenario proeccupante in cui si colloca anche la Riforma del Catasto che, portando i valori degli immobili più vicini a quelli di mercato (+60%), avrà ulteriori riflessi sull’imponibile IMU se sarà approvato lo schema alle Camere:

=>Leggi la bozza di Riforma del Catasto

Aliquote IMU: la mappa dei Comuni

Il primo a lanciare l’allarme è stato il comune di Ivrea, dichiaratosi costretto a portare ai livelli massimi l’aliquota sulle seconde case (1,06%), tassando gli immobili industriali allo 0,96%.

Ecco una breve panoramica di enti locali che alzeranno le aliquote (indagine Corriere della Sera):

  • Genova: prima casa al 5,8%, niente più agevolazioni per seconde case affittate a canone concordate (0,95%), per le altre seconde case aliquota massima all’1,06% (confronta con la delibera di inizio luglio).
  • Prato: il comune è intenzionato ad alzare allo 0,94% l’aliquota su seconde case e capannoni industriali, che nel 2012 era rimasta allo 0,76% (fra le più basse d’Italia).
  • Ravenna: aliquota sulle seconde case salita all’1,6%.
  • Guastalla (Reggio Emilia): seconde case allo 0,9%. Si tratta di un comune colpito dal terremoto.
  • Montegaldella (Vicenza): tassa sulle seconde case allo 0,97%, dal precedente 0,9%.
  • Traversetolo (Parma): aliquota seconda case alzata all’1,06% dal precedente o,96%.
  • Colosimi (Cosenza), aliquota massima sulel seconde case, 1,06% (dallo 0,96%).
  • Calco (Lecco): aliquota seconde case allo 0,96%, dallo 0,86%.
  • Cascina (Pisa): aliquota su seconde case e immobili sfitti all’1,06%, dallo 0,96% dell’anno scorso.
  • Modica (Ragusa): aliquota su seconde case all’1%.
  • Cerveteri (Roma): seconde case all’1,06%, dal precedente 0,9%.
  • Cesenatico: aliquota all’1,06%, dal precedente 1%.
  • Senigallia (Ancona): rincaro sulle prime case, allo 0,6%, immutate le aliquote per le aziende.

Sullo sfondo, le questioni più controverse:

  • Abolizione IMU prima casa (costo quattro miliardi) o rimodulazione, magari con intervento su franchigie o deduzioni, abolendo l’imposta sull’abitazione principale per circa l’80% dei proprietari (costo circa 2 miliardi).
  • Blocco IMU 2013: dopo lo stop di giugno si pensa di congelare il saldo di dicembre in attesa che dal 2014 entri in vigore la riforma (dibattito tutto aperto).

=> Approfondisci le ipotesi allo studio

Si ricorda infine che i destini della riforma IMU si legano a quelli del rinvio dell’aumento Iva al 22%, già slittato a ottobre e che ora si vorrebbe portare a dicembre.

I Video di PMI