Prestazione Energetica: il nuovo Attestato APE

di Chiara Basciano

scritto il

Le novità in tema di Attestato di Prestazione Energetica (APE): linee guida nazionali, esenzioni e abolizione dell'autocertificazione.

Revisione in corso per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE): cambiano sia il modello che i contenuti, l’attestato prenderà in considerazione tutti i servizi presenti nell’edificio, quali climatizzazione estiva, riscaldamento invernale, illuminazione, ventilazione e acqua calda sanitaria. Vengono inoltre introdotti un nuovo metodo di calcolo delle classi energetiche degli edifici e un nuovo indice di prestazione energetica globale dell’edificio.

=> APE: quando non si pagano imposte, di registro e bollo

Linee guida nazionali

Il vecchio modello era stato definito con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 2009, ore le nuove linee guida nazionali – definite da MiSE, Infrastrutture e Ambiente – si applicheranno in maniera uniforme a Regioni e Province autonome. Tra gli obiettivi del nuovo APE c’è infatti anche quello di rendere più omogenea e coordinata l’applicazione delle norme per l’ efficienza energetica su tutto il territorio nazionale.

=> Edilizia: i nuovi modelli unici in vigore

Novità

Una delle modifiche di maggiore rilievo elimina la possibilità da parte del proprietario di autocertificare la scarsa qualità energetica dell’edificio al momento della compravendita.

=> Certificazioni energetiche: le novità

Vengono invece esentati dall’obbligo di certificazione energetica gli edifici per cui questa risulta tecnicamente non possibile o non significativa. Si tratta di ruderi, immobili invenduti nello stato di “scheletro strutturale”, box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi e strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi.