Agevolazioni prima casa, nuove opzioni

di Noemi Ricci

scritto il

Se si vende un immobile acquistato con le agevolazioni prima casa, per non perdere il beneficio è possibile acquistare ma anche costruire una nuova casa: chiarimenti dal Fisco.

Con la Risoluzione n. 13/2017, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle regole di decadenza dell’agevolazione prima casa in caso di vendita prima di cinque anni dall’acquisto. In particolare, è stato precisato che si possono mantenere i vantaggi fruiti purchè,  entro un anno dall’alienazione, si proceda con la nuova costruzione su terreno già di proprietà di un immobile da adibire ad abitazione principale (Articolo 1 della Tariffa, parte I, nota II-bis, DPR n. 131 del 1986).

=> Agevolazioni acquisto prima casa: i casi di nullità

In generale, in caso di acquisto di immobile con fruizione di agevolazioni prima casa non è possibile vendere l’immobile prima di cinque anni, a partire dalla data dell’atto di vendita, pena la perdita dei benefici – il che significherebbe dover pagare le le maggiori imposte di registro, ipotecaria e catastale – a meno che non si acquisti una nuova abitazione come prima casa entro un anno dalla vendita della precedente.

=> Revoca bonus prima casa: paga anche il venditore

Ora, però, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che non si perdono i benefici prima casa, pur vendendo l’immobile entro i 5 anni dal suo acquisto e non comprando un altro immobile, se entro un anno dalla vendita dell’immobile acquistato con i benefici prima casa il contribuente costruisce un altro immobile ad uso abitativo, da destinare ad abitazione principale, su un terreno acquistato successivamente alla vendita o di cui fosse già proprietario.

– Agenzia delle Entrate.