Avvocati: nuovi requisiti in arrivo

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Pronto lo schema di decreto per l'accertamento dell'esercizio della professione di avvocato, pena la cancellazione dall'Albo: le nuove regole.

Giro di vite per gli iscritti all’Ordine degli avvocati: per rimanere nell’Albo viene richiesto di avere studio, telefono, indirizzo PEC (Posta Elettronica Certificata), partita IVA, polizza assicurativa e di trattare almeno cinque affari l’anno, oltre ad essere in regola con il pagamento dei contributi a ordine e Cassa di previdenza e con l’aggiornamento professionale. Si tratta di elementi volti a dimostrare che la professione avviene in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente, requisiti fondamentali per rimanere nell’Albo degli avvocati, così richiesto dallo schema di decreto ministeriale concernente il “Regolamento recante disposizioni per l’accertamento dell’esercizio della professione, a norma dell’art. 21, comma 1, della legge 31 dicembre 2012, n. 247”.

=> Scarica lo schema di decreto

Verifiche

Il Consiglio dell’Ordine circondariale, verificherà ogni tre anni che ciascuno degli avvocati iscritti all’Albo, eserciti la professione in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente.

Requisiti

Questo significa che gli avvocati dovranno essere in possesso, congiuntamente, dei seguenti requisiti:

  • essere titolare di una partita IVA attiva;
  • avere l’uso di locali e di almeno un’utenza telefonica destinati allo svolgimento dell’attività professionale, anche in associazione professionale, società professionale o in associazione di studio con altri colleghi;
  • aver trattato almeno cinque affari per ciascun anno, anche se l’incarico professionale è stato conferito da altro professionista;
  • essere titolare di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata, comunicato al Consiglio dell’Ordine;
  • aver assolto l’obbligo di aggiornamento professionale secondo le modalità e le condizioni stabilite dal Consiglio Nazionale Forense;
  • avere in corso una polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile derivante dall’esercizio della professione, ai sensi dell’art. 12, comma 1, della legge;
  • aver corrisposto i contributi annuali dovuti al Consiglio dell’Ordine;
  • aver corrisposto i contribuiti dovuti alla Cassa di Previdenza Forense.

=> Professionisti: nuovo regole per avvocati e Cassa Forense

Autocertificazione

La sussistenza dei requisiti richiesti potrà essere autocertificata ai sensi degli articoli 46 e 47 del Dpr 445/2000. Le dichiarazioni sostitutive verranno comunque sottoposte a controllo a campione.

Giovani avvocati

Per i giovani avvocati, ovvero per i primi cinque anni dalla prima iscrizione all’Albo, la verifica dei requisiti non sarà svolta.

Giustificati motivi

Prevista la possibilità per giustificati motivi (oggettivi o soggettivi, come la crisi economica o problemi personali) di evitare la cancellazione dall’Albo anche in mancanza di alcuni dei requisiti richiesti. Il decreto stabilirà inoltre le modalità per la reiscrizione del professionista cancellato dall’Albo.

=> Riforma pensioni Professionisti: le novità per ogni categoria

Iter

Lo schema di decreto è stato inviato, per approvazione, dal Ministero della Giustizia prima al Consiglio nazionale forense, quindi al Consiglio di Stato.

I Video di PMI

Come avviare una Srl Semplificata