Scadenze fiscali di Ottobre

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Chiusura partite IVA inattive e rate di Unico 2011 tra le scadenze di ottobre.

Ottobre, mese di scadenze fiscali per i contribuenti italiani, a cominciare da quella del 4 ottobre per la chiusura delle partite IVA inattive: secondo la risoluzione 93/2011 dell’Agenzia delle Entrate, il termine ultimo scattava 90 giorni dopo dall’entrata in vigore della manovra finanziaria (decreto legge 98/2011, articolo 23, comma 23). Chi si è messo in regola entro la scadenza prefissata, ha potuto pagare la sanzione minima di 129 euro tramite modello F24 Elementi identificativi.

I contribuenti titolari di partita IVA non attiva da oltre tre anni che non hanno sanato l’irregolarità entro il 4 ottobre vanno ora incontro alla “chiusura d’ufficio” della partita Iva e sanzioni fino a 2.065 euro.

Di poco lontana, ovvero lunedì 17 ottobre, un’altra scadenza di ottobre: quella volta a regolarizzare senza sanzioni la liquidazione IVA di settembre per errori compiuti in fase di prima applicazione della nuova aliquota Iva al 21%.

Sempre per il 17 ottobre è fissata un’altra scadenza, il termine ultimo per i versamenti rateali da Unico 2011, e in particolare per il versamento della 4a o 5a rata di imposte a saldo ed in acconto sulla base della dichiarazione Unico 2011 dei soggetti titolari di partita Iva. Per i soggetti non titolati di partita IVA, invece, la scadenza è per lunedì 31 ottobre.

Il 31 ottobre è anche il giorno ultimo per versare la 2a rata imposta sostitutiva su maggiori valori di terreni e quote societarie rivalutati al primo gennaio 2010.

Infine, segnaliamo che sabato 29 ottobre scatta la scadenza per i lavoratori dipendenti in possesso dei requisiti fissati dal DM 3/2011 (art. 1), che entro quella data devono fare domanda al proprio datore di lavoro di rientro in Italia godendo dei benefici fiscali previsti.

I Video di PMI