Modello 770: guida compilazione, invio e scadenza

di Redazione PMI.it

scritto il

Modello 770 e Dichiarazione integrativa o correttiva: modulistica, novità, istruzioni di compilazione e scadenze di invio da parte dei sostituti d'imposta.

Il Modello 770 si presenta entro il 31 ottobre, che nel 2021 cade di sabato e anticipa un giorno festivo, con il conseguente slittamento della scadenza per la presentazione del modello (approvato con Provvedimento  del 15 gennaio 2021) entro il 2 novembre 2021. L’invio si effettua esclusivamente per via telematica, dal sostituto d’imposta o tramite intermediario abilitato, soggetti incaricati (per le Amministrazioni dello Stato) o società appartenenti al gruppo.

=> Scarica il Modello 770/2021

Compilazione Modello 770

Il Modello 770 compilato dai sostituti d’imposta, serve per dichiarare all’Agenzia delle Entrate:

  • i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno precedente,
  • i relativi versamenti,
  • le eventuali compensazioni effettuate,
  • il riepilogo dei crediti vantati,
  • gli altri dati contributivi e assicurativi richiesti.

Nel Modello 770/2021 sono state inserite alcune novità. In particolare, segnaliamo le informazioni sul credito derivante dal trattamento integrativo e dalle somme premiali per il lavoro prestato a marzo 2020 (ad inizio lockdown Covid), le nuove istruzioni sull’erogazione dei dividendi alle società semplici ed i nuovi codici nei prospetti riepilogativi per la gestione dei versamenti tardivi (agevolazione concessa in ottica Covid-19).

Modello 770 correttivo o integrativo

E’ anche possibile trasmettere un Modello 770 rettificativo o integrativo di uno già inviato: in questo caso è necessario inviare una nuova dichiarazione, barrando la casella “correttiva nei termini”. Se si invia il modello in ritardo, si barra la casella “Dichiarazione integrativa” di una validamente già inviata nei termini. In entrambi i casi, va barrata anche la casella “Protocollo dichiarazione inviata per indicare il protocollo della dichiarazione già inviata da correggere o integrare.  Il sostituto d’imposta può integrare la dichiarazione 770:

  • entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, per correggere errori od omissioni cui consegua un maggior debito d’imposta;
  • per correggere errori od omissioni che abbiano determinato l’indicazione di un maggior debito d’imposta o di un minor credito.

Sono considerate valide le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dal termine di scadenza, che però scontano l’applicazione delle sanzioni previste (art. 13, comma 1, lett. c) del D.Lgs. n. 472 del 1997).