Tratto dallo speciale:

Bonus Ristrutturazioni e Mobili: nuove FAQ delle Entrate

di Francesca Vinciarelli

scritto il

La nuova serie di FAQ dell'Agenzia delle Entrate sul diritto al Bonus ristrutturazioni e Mobili: anche prima del rogito e con pagamento a rate.

Nuovi chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate in merito al Bonus ristrutturazioni e Mobili. L’Agenzia ha infatti aggiornato le FAQ relative alla detrazione IRPEF del 50% in caso di ristrutturazione di immobili e di acquisto di mobili ed elettrodomestici collegati alla ristrutturazione, precisando che l’agevolazione spetta anche se si paga a rate con finanziaria e che è possibile ottenere la detrazione anche prima del rogito a patto che sia stato stipulato il compromesso.

=> Bonus Mobili: la nuova Guida delle Entrate

Bonus prima del rogito

Il Fisco ha spiegato che si può usufruire della detrazione del 50% per i lavori di ristrutturazione e l’acquisto di mobili anche prima di aver effettuato il rogito se:

  • è stato stipulato un contratto preliminare di compravendita (cosiddetto “compromesso”) e questo è stato registrato all’Agenzia delle Entrate;
  • si è stati immessi nel possesso dell’immobile;
  • si eseguono gli interventi a proprie spese.

Pagamento a rate

Via libera alla detrazione sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici anche se pagati a rate tramite finanziamento. In questo caso, chiarisce l’Agenzia

“È necessario che la società di finanziamento effettui il pagamento al fornitore dei mobili con un bonifico bancario o postale che contenga tutti i dati previsti dalla norma: causale del versamento con indicazione degli estremi della norma agevolativa (articolo 16-bis del Dpr 917/1986), codice fiscale di chi acquista i mobili, numero di partita Iva del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato”.

L’Agenzia delle Entrate chiarisce inoltre che se l’acquisto dei mobili è avvenuto nel 2013 e il pagamento a rate è stato effettuato tra il 2013 e il 2014, si può detrarre l’intera spesa nella dichiarazione dei redditi del 2014, che si riferisce all’anno 2013 perché l’anno in cui è stata sostenuta la spesa è l’anno nel quale la finanziaria ha effettuato il bonifico al fornitore (circolare n. 11/2014, punto 4.4).

=> Bonus Mobili: guida alla compilazione del 730/2014

Anni per quali anni spetta la detrazione IRPEF

Il Bonus IRPEF pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, da suddividere in 10 quote annuali di pari importo, spetta per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, ovvero dalla data di entrata in vigore del Decreto Ecobonus (DL 63/2013) che ha esteso la detrazione del 50% sulle ristrutturazioni all’acquisto di mobili ed elettrodomestici efficienti per l’arredo dell’immobile ristrutturato fino a fine anno.

=> Detrazioni 50%, 65% e Bonus Mobili: nuovi casi particolari

Pagamento con bancomat

Ancora una volta l’Agenzia delle Entrate conferma che

“Per usufruire dell’agevolazione fiscale “Bonus mobili” è ammesso il pagamento anche con pago-bancomat. Oltre al bonifico bancario o postale, è previsto infatti l’uso di carte di credito o carte di debito. In questo caso, la data di pagamento è individuata nel giorno di utilizzo della carta di credito o di debito da parte del titolare, che risulta nella ricevuta telematica di avvenuta transazione, e non nel giorno di addebito sul conto corrente del titolare stesso (circolare n. 29/E del 18/9/2013 – paragrafo 3.6)”.

Per maggiori informazioni consulta le FAQ dell’Agenzia delle Entrate.

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito