Tratto dallo speciale:

Aziende agricole: online le aliquote contributive 2014

di Noemi Ricci

scritto il

Pubblicate dall'INPS le aliquote contributive 2014 dovute da coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali.

Con il Messaggio n. 5148/2014 l’INPS ha comunicato la pubblicazione delle tabelle delle aliquote per i contributi obbligatori dovuti per l’anno 2014 in vigore dal 1° gennaio 2014 per le aziende agricole che operano con il flusso DMAG.

=> Disoccupazione agricola: indennità 2013 e domanda 2014

Calcolo dei contributi

I dettagli delle nuove aliquote contributive sono contenuti nella Circolare n.70/2014 dell’Istituto, che definisce le modalità di calcolo dei contributi I.V.S., dovuti dai coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali. La contribuzione si basa sulla classificazione delle aziende nelle quattro fasce di reddito convenzionale, indicate nella “Tabella D”, allegata alla legge 2 agosto 1990, n. 233, rimodulate a partire dal 1° luglio 1997 dal decreto legislativo 16 aprile 1997, n. 146 e convertite in euro, come da circolare n. 83 del 23 aprile 2002. La contribuzione dovuta viene quindi determinata, come previsto dall’art. 7 della legge 233/90, moltiplicando il reddito medio convenzionale (stabilito  per l’anno 2014 in euro 54,65)  per il numero di giornate indicate nella “Tabella D”, in corrispondenza della fascia di reddito convenzionale in cui è inserita l’azienda e applicando al risultato le aliquote percentuali riepilogate nella Circolare INPS nelle Tabelle B e C.

Aliquote contributive 2014

Da queste si deduce che per l’anno 2014 le aliquote da applicare sono – comprensive del  contributo addizionale del 2% previsto dall’art.12, ultimo comma, della legge 2 agosto 1990, n. 233 – pari al:

  • 22,4 % (ridotta a 21,0% per i soggetti di età inferiore a 21 anni) per la generalità delle imprese;
  • 20,5% (ridotta a 18,0% per i soggetti di età inferiore ai 21 anni) per le imprese ubicate in territori montani o in zone svantaggiate.

Viene poi precisato che:

  • l’importo del contributo addizionale stabilito dal comma 1, art. 17 della legge 3 giugno 1975, n. 160, per effetto del meccanismo di adeguamento periodico previsto dall’art. 22 della stessa legge, è pari, per l’anno 2014, a 0,66 euro  a giornata;
  • la contribuzione di maternità è fissata anche per il 2014 a 7,49 euro ai sensi dell’articolo 49 della legge 23 dicembre 1999, n. 488;
  • la contribuzione INAIL 2014 dovuta per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali è pari a 768,50 euro per le zone normali e a 532,18 euro per i territori montani e le zone svantaggiate.

=> Sconto INAIL per Agricoltori al via

Versamento contributi

Il pagamento dei contributi obbligatori dovrà avvenire tramite modello F24 presso qualsiasi Istituto di Credito o Ufficio Postale. Sul sito INPS i titolari del nucleo coltivatore diretto/coloni mezzadri e gli imprenditori agricoli professionali in possesso di PIN potranno stampare la delega di pagamento F24 accedendo dai servizi online messi a disposizione dall’Istituto e selezionando la voce “Modelli F24 – Lavoratori Autonomi Agricoli”.

Scadenze

Il versamento dovrà essere effettuato entro i termini di scadenza: il 16 luglio,  il 16 settembre, il 17 novembre 2014 e il 16 gennaio 2015.  Per maggiori informazioni consulta la Circolare INPS n.70/2014.

I Video di PMI

DL Agosto: Guida alle misure fiscali