Tratto dallo speciale:

DURC regolare per imprese con crediti PA

di Francesca Vinciarelli

scritto il

DURC retrodatato per imprese che vantano crediti con la Pubblica Amministrazione: un emendamento al Decreto Debiti PA permette loro di ottenere la regolarità contributiva anche prima della richiesta di rimborso.

Un emendamento sul DURC nel Decreto sui Debiti della PA (Dl 35/2013) getta un salvagente alle imprese che, a causa del ritardo nei pagamenti dalle Pubbliche Amministrazioni, non sono riuscite a mantenere la regolarità contributiva, perdendo importanti occasioni come contributi e bandi di gara..

=>Leggi i dettagli del Decreto Debiti PA

L’emendamento prevede la possibilità – per queste imprese che non hanno DURC regolare per colpa dei ritardi della PA- di ottenere un DURC retrodatato, a partire dalla in cui viene riconosciuta loro la legittimità del saldo (pur senza rimborso avvenuto) e dunque anche senza aver prima richiesto la compensazione.

=> Leggi di più sul DURC

Si intende così contrastare il circolo vizioso che sta portando tante PMI creditrici della PA, non in regola con i versamenti contributivi per colpa delle difficoltà causate dai mancati pagamenti, a non poter far richiesta di rimborso.

Dunque l’emendamento prevede che l’accertamento della regolarità contributiva venga effettuato «con riferimento alla data di emissione della fattura o di richiesta equivalente di pagamento» e non alla data di richiesta di rimborso dei debiti della PA.

In questo modo, le aziende potranno partecipare a bandi di gara per appalti pubblici o mantenere i requisiti per accedere ad agevolazioni di varia natura che richiedano un DURC regolare.

=>DURC e crediti PA in compensazione: pro e contro

Per essere certi che l’emendamento venga confermato non resta che aspettare che termini l’iter di conversione in legge del decreto.

I Video di PMI

DURC online, procedura di rilascio