Tratto dallo speciale:

Simulazione pensione: busta arancione per pochi

di Francesca Vinciarelli

scritto il

In arrivo le buste arancioni INPS con la simulazione della pensione futura ma non per tutti: lo ha annunciato il presidente INPS Tito Boeri.

L’INPS si sta preparando ad inviare le prime buste arancioni che contengono la simulazione dell’importo della pensione futura alla quale si ha diritto sulla base di quanto finora versato, della retribuzione attesa e della data di uscita dal lavoro. Purtroppo, però, la busta arancione non verrà ricevuta da tutti i lavoratori per i quali sono stati versati contributi utili a maturare la pensione ma solo a 150mila perché, spiega il presidente INPS Tito Boeri, non ci sono abbastanza soldi.

=> Pensione futura: arriva la busta arancione

Dunque, anticipa Boeri, a margine dell’assemblea nazionale dell’Amianto:

«Ne manderemo solo una piccola parte, ne spediremo circa 150mila entro Natale, perché non ci è stata data l’autorizzazione dai Ministeri per superare il vincolo di spesa, la spesa per spedizioni è contingentata».

=> Riforma Pensioni Boeri: simulazione del ricalcolo

Le prime buste arancioni verranno spedite alle categorie coperte, nelle quali quindi non rientrano i lavoratori pubblici, e coloro che non sono in possesso del PIN INPS, che consente di effettuare la stima della pensione che si percepirà a fine carriera.

=> La Mia Pensione: guida INPS al calcolo online

Come per la busta arancione l’obiettivo del servizio online dell’INPS “La Mia Pensione” è di rendere più trasparente la situazione previdenziale dei lavoratori. Il servizio è accessibile seguendo il percorso “Home > Servizi > La Mia Pensione”. Il nuovo servizio indica la data prevista del pensionamento e simula l’importo della pensione che si riceverà al termine dell’attività lavorativa.