Bollette e Bonus Sociale per disagio fisico: quali i casi ammessi?

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Francesco chiede:

Ho letto che si possono ottenere degli sconti in bolletta elettrica se si è in condizioni di disagio fisico. Di cosa si tratta? Bisogna fare domanda di Bonus Sociale oppure seguire una procedura diversa? Quali sono i requisiti e gli apparecchi ammessi?

Immagino che lei si riferisca al diritto al bonus sociale, a cui hanno diritto le famiglie economicamente svantaggiate, e le persone con determinate patologie. Per la precisione, il bonus sociale spetta a famiglie nel cui nucleo ci sia una persona che «versano in gravi condizioni di salute tali da richiedere l’utilizzo di apparecchiature medico-terapeutiche necessarie per la loro esistenza in vita e alimentate ad energia elettrica, al fine di compensare la maggiore onerosità connessa all’utilizzo di dette apparecchiature».

L’elenco delle apparecchiature salvavita è contenuto nel Decreto del Ministero della Salute del 13 gennaio 2011. Fra gli altri: carrozzine elettriche, materassi anti decubito, apparecchiature complesse per patologie gravi o molto specifiche.

Per quanto riguarda la domanda, a differenza della causale ISEE (per la quale il Bonus Sociale è divenuto automatico), se il motivo è la necessità di ricorrere ad apparecchiature salvavita si deve presentare domanda di accesso: nel caso in cui il Bonus Sociale spetti per motivi di disagio fisico, bisogna inoltrare richiesta al Comune di residenza, presentando apposito certificato ASL che attesta la condizione di salute e la necessità delle apparecchiature elettromedicali e compilando l’apposito Modulo di domanda.

Sul portale ARERA (l’Authority Energia) trova la guida al Bonus Sociale con tutte le istruzioni e le definizioni del caso:

Il bonus (elettrico) per disagio fisico è misura volta a ridurre la spesa sostenuta per la fornitura di energia elettrica dai nuclei familiari in cui è presente un componente che si trova in condizioni di disagio fisico. È stato introdotto dalla normativa nazionale e successivamente attuato con provvedimenti di regolazione dell’Autorità.

Una volta riconosciuto, l’importo del bonus viene applicato sulla bolletta elettrica, nei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Barbara Weisz