Tratto dallo speciale:

Rimborsi IVA più veloci con il risk score del Fisco

di Barbara Weisz

scritto il

L'Agenzia delle Entrate abbina un profilo di rischio alle Partite IVA che chiedono il rimborso fiscale: istruttoria ridotta per soggetti a basso rischio, pratiche più veloci e controlli mirati.

Rimborsi IVA più veloci con il nuovo sistema dell’Agenzia delle Entrate, che selezionerà i controlli e semplificherà le procedure per i contribuenti a basso rischio: per loro saranno previste istruttorie ridotte, mentre quelle complete saranno richieste solo per quelli a rischio evasione.  La velocizzazione dei rimborsi è uno degli obiettivi del Fisco, nell’ambito della più ampia operazione di liquidazione dei debiti della pubblica amministrazione verso imprese e professionisti. Nel 2013 i risultati sono stati migliori dell’anno prima, con 11,5 miliardi rimborsati contro i 6,9 miliardi del 2012.

=>Rimborsi: 11 mld alle Partite IVA

Risk score

Per misurarne il risk score dei contribuenti è stato messo a punto un modello, con relativa applicazione informatica. Il rimborso IVA  sarà dunque legato a doppio nodo all’analisi del rischio, che prende in considerazione una serie di parametri relativi all’impresa e all’ammontare del rimborso: continuità aziendale, tipologia di attività, natura giuridica del contribuente, regolarità delle dichiarazioni e dei versamenti, assenza di accertamenti e verifiche, carichi pendenti, coerenza degli importi richiesti a rimborso e dei presupposti in un arco temporale definito, “conoscenza” del soggetto da parte dell’ufficio, in quanto fisiologicamente a credito.

Istruttoria flessibile

In base a questi elementi, i rimborsi si dividranno in classi di rischio (alto, medio basso), in base alle quali cambiano sia le procedure sia i tempi di rimborso al contribuente (può essere chiesta ulteriore documentazione o al contrario velocizzata la procedura). Un sistema più flessibile, insomma, che razionalizza l’attività istruttoria effettuando controlli più stringenti sui contribuenti con un livello più elevato di rischio, e viceversa semplificando l’iter quando il livello di rischio è basso.

=>IVA 2014: modelli e istruzioni

Richiesta rimborso

Il rimborso IVA si chiede con la dichiarazione annuale o con il modello IVA TR, per i soggetti che nel trimestre hanno un’eccedenza di imposta detraibile di importo superiore a 2.582,28 euro e vogliono chiederla in tutto o in parte a rimborso o utilizzarla in compensazione con altri tributi (fonte circolare 5/E 2014 dell’Agenzia delle Entrate).