Modello CU2015: online il nuovo CUD per dipendenti, autonomi e pensionati

di Barbara Weisz

scritto il

Si chiama CU2015 il nuovo modello unificato per la certificazione dei redditi di dipendenti, assimilati e autonomi: ecco la bozza da scaricare con novità, procedure e sanzioni per i sostituti d'imposta.

cu2015

Il CUD cambia e il modello è già online: la certificazione unica dei redditi da lavoro conterrà sia le certificazioni dei sostituti d’imposta sul lavoro dipendente e assimilato sia quelle sul lavoro autonomo. Si chiamerà CU2015 (Certificazione Unica)  e la bozza è pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

=> CUD per dipendenti e autonomi: Certificazione Unica 2015

Dal 2015 i sostituti d’imposta  (imprese ed enti previdenziali) dovranno usare lo stesso modello per la certificazione dei redditi da lavoro o redditi diversi. Il Modello CU 2015 prevede un unico frontespizio (con i dati del sostituto e del contribuente) e due diverse parti:

  • una sezione per la certificazione dei redditi da lavoro dipendente e assimilati
  • una sezione per la certificazione dei redditi da lavoro autonomo, di provvigioni e redditi diversi.

=> Scarica la bozza del CU2015

CU2015: nuovi campi e sezioni

Nel frontespizio c’è un nuovo spazio dedicato a coniuge e familiari a carico per i quali spettano agevolazioni: nei diversi campi si indicano le informazioni che determinano la fruizione del beneficio (coniuge a carico, figlio, altro familiare, disabilità), il codice fiscale del parente a carico, numero di mesi a carico, eventuale età minore di tre anni, percentuale di detrazione spettante, eventuale detrazione del 100% affidamento figli.

fontespiziocu

Nella sezione dedicata al lavoro dipendente e assimilato c’è un nuovo spazio dedicato al bonus IRPEF fino a 80 euro (capitolo “detrazioni e crediti”), in cui si indicano: credito spettante, credito rimborsato, non riconosciuto, recuperato.

bonusirpegcu

In genere, quella dedicata al lavoro dipendente è la sezione più corposa del modello. Comprende una lunga serie di dati fiscali su reddito, ritenute, acconti, crediti, detrazioni, previdenza complementare, oneri detraibili e deducibili, eventuali somme erogate come incentivo alla produttività, conguagli TFR (Trattamento Fine Rapporto) e dati previdenziali e assistenziali. Più semplice la parte dedicata al lavoro autonomo, con la compilazione di pochi campi relativi a tipologia reddituale e dati fiscali (somme erogate, ritenute effettuate, contributi).

cuautonomi

La sanzione per i sostituti che non inviano al contribuente la Certificazione Unica entro il 28 febbraio è pari a 100 euro per CU non trasmessa, tardiva o errata). Niente sanzioni in caso di errori se si corregge entro 5 giorni.

L’introduzione del nuovo CUD rappresenta una misura di semplificazione fiscale, anche in vista dell’interduzione dal 2015, del Modello 730 precompilato . S ricorda infine che i datori di lavoro devono comunque presentare anche il modello 770 poichè  il nuovo CU riguarda solo la certificazione dei compensi erogati.