Tratto dallo speciale:

Precompilata 2020: le nuove spese sanitarie

di Redazione PMI.it

scritto il

Dietista, igiene dentale, prevenzione luoghi di lavoro, fisioterapia sono fra le spese sanitarie che debuttano nella dichiarazione dei redditi precompilata 2020: l'elenco completo.

Una delle principali novità contenute nella dichiarazione dei redditi precompilata 2020, che i contribuenti possono consultare online dal 5 maggio, è rappresentata dai nuovi dati sulle spese sanitarie. In aggiunta a quelli già presenti negli anni scorsi (come visite mediche e veterinarie, farmaci, occhiali), da quest’anno ci sono anche le prestazioni erogate da ulteriori professionisti della sanità, che danno diritto alle detrazioni: ad esempi, dietisti, igienisti dentali e fisioterapisti.

=> Precompilata 2020 dal 5 maggio: guida e scadenze

Nel dettaglio, ecco quali sono tutte le nuove voci che per la prima volta sono preinserite nei modelli 730/2020 e Redditi/2020 precompilati. Si tratta delle prestazioni dei seguenti professionisti della sanità:

  • tecnici sanitari di laboratorio biomedico,
  • tecnici audiometristi,
  • tecnici audioprotesisti,
  • tecnici ortopedici,
  • dietisti,
  • tecnici di neurofisiopatologia,
  • tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare,
  • igienisti dentali,
  • fisioterapisti,
  • logopedisti,
  • podologi,
  • ortottisti e assistenti di oftalmologia,
  • terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva,
  • tecnici della riabilitazione psichiatrica,
  • terapisti occupazionali,
  • educatori professionali,
  • tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro,
  • assistenti sanitari,
  • biologi.

Debuttano nella dichiarazione dei redditi precompilata 2020 anche le spese sanitarie per le prestazioni erogate dalle strutture sanitarie militari e dalla farmacia dell’Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi di Guerra.

Fra le voci che invece già da tempo troviamo precompilate ci sono: farmaci (sia quelli con prescrizione medica sia quelli da banco) acquistati presso farmacie e parafarmacie, visite mediche, dispositivi medici con marcatura CE, prestazioni specialistiche ambulatoriali, operazioni chirurgiche, ricoveri ospedalieri, cure odontoiatriche, prestazioni di ottici, psicologi, infermieri, ostetriche, tecnici sanitari di radiologia medica, strutture autorizzate a fornire i servizi sanitari e non accreditate, veterinari e farmaci veterinari.

La detrazione IRPEF per le spese sanitarie è pari al 19%, per la parte eccedente l’importo di 129,11 euro (franchigia). Ci sono alcune spese sostenute per le persone con disabilità che sono invece detraibili, sempre al 19%, ma senza applicare la franchigia.

Ricordiamo infine che per il momento la dichiarazione dei redditi è disponibile solo in consultazione, per poterla modificare e inviare bisogna attendere le seguenti scadenze:

  • 14 maggio: è possibile modificare sia il 740 sia il modello Redditi, si può inviare (con o senza modifiche) il modello 730;
  • 19 maggio: si può inviare (con o senza modifiche) il modello Redditi 2020.

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito