Tratto dallo speciale:

Covid e compilazione 730: delega al CAF per email

di Redazione PMI.it

scritto il

Assistenza fiscale: l'autorizzazione per l'accesso alla dichiarazione precompilata 2020 può essere inviata anche in forma libera con modalità telematiche.

Il decreto Liquidità imprese (art. 25 del DL 23/2020) consente, anche con una semplice email, di delegare il CAF o professionista abilitato a trasmettere la propria dichiarazione dei redditi. Basta scansionare la delega sottoscritta ed inviarla, assieme alla consueta documentazione, presso la casella di posta elettronica del soggetto delegato, unitamente alla copia del documento di identità. Può bastare anche una semplice autorizzazione in forma libera, purché sempre firmata.

=> Precompilata 2020 dal 5 maggio: guida e scadenze

Con la circolare n. 9/2020, l’Agenzia delle Entrate ha infatti chiarito che, in mancanza di scanner o stampante, si può usare anche un’autorizzazione inviata per posta elettronica, tramite servizio di messaggistica istantanea o caricamento su spazio cloud del CAF o professionista.

La comunicazione deve contenere: codice fiscale e dati anagrafici del contribuente; la denominazione del CAF o il nome del professionista; il consenso all’accesso alla dichiarazione dei redditi precompilata e al trattamento dei dati personali; la sottoscrizione del contribuente.

Attenzione: si tratta di una procedura straordinaria valida per durante l’emergenza Covid-19, terminata la quale i contribuenti dovranno comunque consegnare ai CAF e agli intermediari abilitati delega e documentazione per la compilazione del modello 730 o Redditi già inviate telematicamente.

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito