Dichiarazione IVA: nuova chance per contribuenti

di LavoroImpresa

scritto il

Dichiarazione IvaRegolarizzare la propria posizione pagando una sanzione ridotta. E’ questo l’invito dell’Agenzia delle Entrate verso 65.000 contribuenti che non hanno ancora presentato o non hanno compilato correttamente la dichiarazione IVA per il 2014. La regolarizzazione può essere effettuata presentando una dichiarazione entro novanta giorni a partire dal 30 settembre 2015 e provvedendo al pagamento delle sanzioni.

=> IVA omessa o irregolare: nuovi avvisi e ravvedimento

Il Fisco mette in guardia 65.000 contribuenti e lo fa con l’invio di altrettante lettere o email. Oggetto delle missive è la mancata presentazione della dichiarazione IVA. In pratica i contribuenti che non hanno ancora presentato ovvero non hanno compilato correttamente la dichiarazione IVA per il 2014 potranno sanare la propria posizione pagando le sanzioni in misura ridotta senza ricevere controlli. L’Agenzia delle Entrate invierà nei prossimi giorni una serie di lettere tramite Posta Elettronica Certificata o tramite posta ordinaria informando i contribuenti in modo da permettere loro di controllare e, ove necessario, correggere la propria posizione.

=> IVA 2014, dichiarazione e comunicazioni

L’obiettivo dell’Agenzia delle Entrate è quello di alimentare la cosiddetta compliance ossia il grado di fiducia da parte dei cittadini e favorire l’adempimento spontaneo degli obblighi tributari. Le comunicazioni, infatti, permettono il ravvedimento spontaneo da parte del contribuente ancora prima che partano i controlli. Per regolarizzare la propria posizione, pertanto, i contribuenti che non hanno ancora presentato la dichiarazione Iva relativa al periodo d’imposta 2014 dovranno presentare la dichiarazione entro novanta giorni a partire dal 30 settembre 2015 e pagare le sanzioni in misura ridotta. In caso di errori ovvero qualora sia stata presentata la dichiarazione IVA con la sola compilazione del quadro VA sarà possibile regolarizzare gli errori e beneficiare delle sanzioni in misura ridotta grazie all’istituto del ravvedimento operoso.

I Video di PMI

Aumento IVA: la clausola di salvaguardia