Tratto dallo speciale:

Lending Crowdfunding: piccoli investitori per il credito delle PMI

di Alessandra Gualtieri

Investimento Digitale: nuovo portale di lending crowdfunding per finanziare l'economia reale grazie agli investimenti dei piccoli risparmiatori.

La crescita del lending crowdfunding procede a ritmi sostenuti, con un ruolo sempre più strategico nell’ambito degli strumenti di finanza alternativa per le PMI italiane.

Gli ultimi cinque anni hanno registrato volumi sempre più significativi di campagne avviate e finanziamenti erogati, con una crescita esponenziale della raccolta che testimonia la necessità di un canale rapido di accesso ai capitali, oltre che uno strumento innovativo per le gli investitori che vogliono diversificare il proprio portafoglio.

Tra le piattaforme autorizzate che offrono un servizio di lending crowdfunding in Italia c’è da poco anche Investimento Digitale, portale di incontro tra imprese e finanziatori, dove i prestiti sono erogati a PMI in cerca di liquidità per finanziare progetti di sviluppo a fronte di un prestito raccolto tra la collettività, con soglie di accesso alla portata dei piccoli investitori: si può investire partendo da 250 euro per singolo progetto.

A differenza dell’Equity crowdfunding, in questo caso chi investe non diventa socio dell’impresa a cui eroga credito ma resta un semplice investitore, o meglio un prestatore di liquidità a fronte di un tasso di interesse. Un contratto di prestito online definisce infatti i termini per la restituzione del finanziamenti, con i relativi interessi. Un tipico vantaggio del lending crowdfunding è il rendimento lordo annuale per questo tipo di investimenti: può arrivare fino al 12%.

Investimento Digitale ospita unicamente progetti di sviluppo e di crescita delle PMI che richiedono finanziamenti tra 50mila e 2,5 milioni di euro, tramite prestiti di durata variabile da 6 a 48 mesi e con modalità di restituzione del capitale e degli interessi da definirsi di volta in volta.

L’investimento è reso più sicuro dal fatto che le campagne riguardano esclusivamente progetti di sviluppo, mentre non è mai finanziata la copertura di debiti, perdite o tasse. Inoltre, le aziende selezionate rispondono ai criteri di un modello di rating che comprende anche un indice di rischio.

Le prime campagne lanciate su Investimento Digitale, attualmente ancora aperte, riguardano le seguenti imprese: Franzini Srl (autotrasporti e fornitura di materie prime e combustibili) ed Efficient Farm Engineering (soluzioni innovative per la zootecnia)